Champions League, verso Juve-Barça: emergenza difesa per i bianconeri

BERLINO. C'è elettricità nell'aria, che neppure la sfortunato stop di Chiellini ha smorzato. A Berlino, in Italia ed in Spagna, non c'è evento che possa venire prima, nei programmi e nei discorsi, della finale di Champions all'Olympiastadion.

Il Barcellona al gran completo e la Juve convinta di potercela fare anche senza uno dei giganti della sua difesa spesso granitica, sono pronti a darsi battaglia per vincere la Champions dei sogni. Il Barca del marziano Messi e e dei suoi sodali Suarez e Neymar contro la Juve di Tevez e Morata, di Pogba e Buffon, di Marchisio e Vidal, che ha fatto uscire di scena il Real campione d'Europa.

Sono quattro anni che i blaugrana non riescono più a brindare nella notte più bella dell'Europa del calcio, addirittura 19 stagioni è lungo il digiuno della Juve, che l'anno scorso si è fatta sfuggire l'Europa League che giocava in casa.

A Berlino l'attesa arriva al diapason: è la città dell'ultima vittoria azzurra ad Mondiale, qui ci potrebbe essere l'ultima recita nel Vecchio Continente di grandissimi campioni: l'ha già annunciata Xavi Hernandez, potrebbe essere altrettanto per Pirlo. E resta il dubbio su Tevez, tentato da un rientro anticipato in Argentina.

Nessuno potrà rubare la scena a Berlino, fino a domani, neppure la piccola Elmau che, nel suo incantevole castello, domenica e lunedì ospiterà il G7 delle grandi potenze dell'economia mondiale. Nella località dell'Alta Baviera i riflettori si accenderanno solo dopo che lo storico Olympiastadion avrà scelto la sua regina. Berlino si prepara ad accogliere le due sfidanti: sia il Barca sia la Juve atterreranno domani mattina ed all'Olympiastadion sosterranno l'ultimo allenamento.

© Riproduzione riservata

Correlati