Mercoledì, 22 Novembre 2017
IL RAPPORTO

Sono più di 15mila i sostenitori dello Stato islamico: 50 gli italiani

Secondo l'inchiesta, la principale fonte di finanziamento dell'Isis sono i «profitti illeciti legati al controllo del territorio, come saccheggio di banche, estorsione, controllo di pozzi petroliferi e raffinerie, rapine e tassazione illecita di beni in transito

MONACO. L'Isis dispone di circa 15.500 foreign fighters, di cui 50 italiani, che danno supporto «fisico e monetario» all'organizzazione, sia raccogliendo direttamente denaro nei Paesi d'origine prima di partire, sia beneficiando di finanziamenti delle diaspore. Lo afferma un rapporto della Financial action task force sul riciclaggio di denaro,Fatf-Gafi.

La principale fonte di finanziamento dell'Isis sono i «profitti illeciti legati al controllo del territorio, come saccheggio di banche, estorsione, controllo di pozzi petroliferi e raffinerie, rapine e tassazione illecita di beni in transito», a cui si aggiungono «rapimenti per estorsione, donazioni anche da o attraverso Ong, supporto materiale legato ai foreign fighters, raccolte fondi tramite i network di comunicazione».

Lo riporta uno studio della Financial action task force sul riciclaggio di denaro (Fatf-Gafi).

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X