Domenica, 18 Novembre 2018
IL CANCELLIERE

Merkel: "L'obiettivo è far rimanere la Grecia nell'eurozona"

«L'obiettivo è, adesso come prima, che la Grecia resti membro dell'eurozona». Lo ha ribadito Angela Merkel, in una intervista all'Hamburger Abendblatt, per la prima volta dopo le elezioni vinte da Alexis Tsipras.

BERLINO. «L'obiettivo è, adesso come prima, che la Grecia resti membro dell'eurozona». Lo ha ribadito Angela Merkel, in una intervista all'Hamburger Abendblatt, per la prima volta dopo le elezioni vinte da Alexis Tsipras.

"Cancellare il debito della Grecia è escluso. Gli altri Paesi della zona euro non lo accetterebbero": lo dice il presente della Commissione europea, Jean-Claude Juncker, in un'intervista al quotidiano francese Le Figaro. Se l'Ue "rispetta il suffragio universale, la Grecia deve rispettare gli altri, le opinioni pubbliche e i parlamentari del resto dell'Europa". "Dire che un mondo nuovo ha visto la luce dopo lo scrutinio di domenica (in Grecia, ndr.) non è vero", afferma Juncker, aggiungendo: "Rispettiamo il suffragio universale in Grecia, ma la Grecia deve anche rispettare gli altri, le opinioni pubbliche e i parlamentari del resto dell'Europa. Accordi sono possibili, ma non cambieranno fondamentalmente ciò che è già messo in atto".

"La Grecia ha un progetto di grandi riforme e non vuole insistere nell'errore dell'austerità". Lo ha Alexis Tsipras dopo l'incontro avuto oggi con il presidente del Parlamento europeo Martin Schulz. Tsipras ha aggiunto però che Atene vuole trattare con l'Ue e non far saltare il banco: "coloro che puntano al contrario molto presto saranno smentiti".

Schultz, Atene pronta ad aprire dialogo con partner - "Il governo greco è pronto ad aprire un dialogo con i suoi partner e io ne sono contento", ha detto il presidente dell'Europarlamento Schulz dopo l'incontro con il neo premier Tsipras che ha mostrato desiderio di "trovare soluzioni di comune accordo".

Russia, disponibili a dare aiuti finanziari alla Grecia - La Russia è disponibile a fornire aiuti finanziari alla Grecia. Lo ha dichiarato in un'intervista esclusiva alla Cnbc a Mosca il ministro delle Finanze russo Anton Siluanov. La Grecia non ha ancora avanzato alcuna richiesta, ha precisato il ministro, ma "se lo facesse lo prenderemmo sicuramente in considerazione".

Schulz a Bild, Tsipras sa che necessario compromesso  - "Tsipras sa che deve arrivare a un compromesso. E che non può realizzare tutto quello che ha promesso nello zelo della campagna elettorale. Sono curioso di ascoltare quali saranno le sue proposte finanziarie". Lo dice il presidente del Parlamento europeo Martin Schulz alla Bild, in vista dell'incontro di oggi ad Atene. Schulz esclude sia un'uscita di Atene dall'euro - "è fuori discussione" - sia un taglio del debito.

'Circa 3.500 statali saranno reintegrati'  - In controtendenza con il precedente governo guidato dal leader conservatore Antonis Samaras, il vice ministro greco per la Riforma amministrativa, Giorgos Katrougalos, ha intenzione di discutere un nuovo piano di valutazione del personale del settore pubblico con i responsabili del sindacato Adedy, che rappresenta gli statali. Lo riferisce oggi l'edizione online del quotidiano To Vima secondo cui l'intenzione del governo guidato da Alexis Tsipras (Syriza) è di riassumere circa 3.500 statali licenziati. Parlando alla stazione TV privata Skai, Katrougalos ha detto che il nuovo sistema di valutazione non funzionerà in maniera punitiva bensì per migliorare i servizi offerti dai dipendenti dello Stato. Il vice ministro ha osservato che il precedente sistema di valutazione era finalizzato a licenziare i lavoratori ed ha sottolineato che saranno annullati tutti i licenziamenti effettuati attraverso il vecchio programma di messa in mobilità che sono risultati illegali o condotti in modo anti-costituzionale. Ciò significa - ha concluso Katrougalos - che circa 3.500 dipendenti statali, soprattutto addetti alle pulizie, custodi scolastici e insegnanti di educazione tecnica, saranno reintegrati nei loro posti.

Tsipras blocca le privatizzazioni,"trattiamo su debito"
Un consiglio dei ministri che dà il via alla rivoluzione Syriza. Alexis Tsipras ha tenuto ieri la sua prima riunione con i ministri, entrando in azione senza perdere un minuto. Da una parte l'esecutivo ha annunciato subito un drastico cambio di rotta economica, con lo stop a due privatizzazioni chiave del programma dettato dalla troika - quella del porto del Pireo e della società elettrica Dei - nonché l'annuncio dell'aumento del salario minimo e delle riassunzioni nel settore pubblico. Dall'altra il premier, nel suo discorso introduttivo, ha teso la mano alla Ue segnalando il desiderio di trovare un'intesa sul tema esplosivo del debito ellenico. "Non andremo a una rottura distruttiva per entrambi sul debito: il governo di Atene è pronto a negoziare con partner e finanziatori per una soluzione giusta e duratura per il taglio del debito - ha detto in apertura di lavori -. Siamo pronti per affrontare le trattative (con l'Ue) in base al nostro progetto... smentiremo le Cassandre, non provocheremo alcuna catastrofe, ma nemmeno porteremo avanti la politica della sottomissione". Tsipras ha spiegato che "la nostra priorità dovrà essere quella di affrontare la crisi umanitaria. Il popolo pretende da noi di lavorare duramente per difendere la sua dignità". Il premier ha quindi ribadito che il suo esecutivo è pronto a "discutere con tutti. Accoglieremo domani Martin Schulz (presidente dell'Europarlamento) e venerdì Jeroen Dijsselbloem (presidente Eurogruppo). Le discussioni con loro saranno estremamente utili e produttive". Ma la Commissione Ue "non cambia linea" sulla Grecia, e dopo le elezioni "restano gli stessi impegni presi dal Governo verso i cittadini Ue, che vanno rispettati", ha avvertito il vicepresidente Jyrki Katainen, aggiungendo: "Siamo pronti a collaborare, ma le elezioni non hanno cambiato la situazione economica". Per risolvere i problemi della Grecia "non ci sono scorciatoie, dobbiamo proseguire su un percorso sostenibile", e tutti, "Governo, Eurogruppo e Commissione devono rafforzare la stabilità invece dell'instabilità", ha proseguito Katainen.

Poi sulla possibilità che alla Grecia venga dato un po' di respiro: "Non credo che l'Eurogruppo sia disposto a fare marcia indietro sulle politiche adottate finora e che non possono cambiare in base alle elezioni". Il ministro delle Finanze, Yannis Varoufakis, personaggio chiave dell'esecutivo, ha previsto che "i negoziati con i creditori non saranno facili, ma negozieremo un nuovo accordo, un ponte tra i precedenti programmi greci e quello nuovo", spiegando che si è trovato d'accordo con Dijsselbloem su un punto: "Basta con gli scenari da far west che piacciono ai giornalisti stranieri, e basta con l'incertezza". Varoufakis ha annunciato che sarà la prossima settimana a Roma per incontrare Pier Carlo Padoan. Intanto, mentre la Borsa di Atene segna un terzo giorno di calo, il programma del governo greco è partito con una raffica di annunci di riforme 'immediate'. Il ministro del Lavoro Panos Skourletis ha assicurato che "il ripristino del salario minimo a 751 euro (ora è 450 lordi) è tra primi progetti di legge del governo". Mentre il viceministro per la riforma della Pubblica amministrazione Giorgos Katrougalos ha annunciato che i licenziamenti nel settore pubblico "contrari alla Costituzione" verranno cancellati: tra loro quelli delle ormai 'celebri' donne delle pulizie che da un anno e mezzo stazionano davanti al ministero delle Finanze, insegnanti e addetti alla sicurezza delle scuole. Inoltre, ha promesso il viceministro per le Politiche della migrazione Tasia Christodoulopoulou, verrà data la cittadinanza greca a tutti i figli di migranti nati o cresciuti in Grecia, "anche quello arrivati molto giovani ma che hanno fatto le scuole qui". Un annuncio, questo, che sarà sgradito agli alleati di governo dell'Anel, notoriamente anti-immigrazione. Ma l'annuncio economico più rilevante è quello che riguarda lo stop alle privatizzazioni. Il viceministro della Marina Thodoris Dritsas ha spiegato: "Noi non vogliamo vendere la quota di maggioranza dell'Autorità portuale del Pireo (Ppa). L'accordo con Cosco (l'azienda cinese che già gestisce metà del porto) sarà rivisto per il bene del popolo greco". Si tratta di uno dei passaggi chiave del programma di dismissione di beni statali concordato con la troika. Poi le società elettriche (un settore in cui c'era l'interesse dell'italiana Terna): "Il governo ha deciso di bloccare la privatizzazione della Dei e della Admie", responsabile delle reti elettriche, chiesta dalla troika, ha reso noto il ministro per le attività produttive Panagiotis Lafazanis. E infine, stop anche alla vendita di 14 aeroporti regionali. Sempre nel segno della discontinuità, Atene ha detto addio oggi ad un odiato simbolo di questi anni di contestazione: sono state rimosse le barriere messe nel 2012 a protezione del Parlamento.

Obama chiama Tspiras, Usa pronti ad aiutare Atene
Il presidente Barack Obama ha parlato oggi con il neo premier greco Alexis Tsipras "per congratularsi con lui per la sua recente vittoria alle elezioni", ha reso noto la Casa Bianca. Obama ha affermato che gli Usa, "in quanto amici e alleati di lunga data, guardano al futuro per lavorare accanto al nuovo governo greco per aiutare la Grecia a tornare sul sentiero della prosperita'" e "i due leader hanno inoltre affrontato temi quali la cooperazione tra Usa e Grecia, la sicurezza europea e l'antiterrorismo.

© Riproduzione riservata

TAG: , ,

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X