Lunedì, 12 Novembre 2018
IL MESSAGGIO

Papa Francesco: "La famiglia perfetta non esiste"

"Non abbiate paura dei conflitti. E' il primo luogo in cui si impara a praticare il perdono"

 CITTÀ DEL VATICANO. «Non esiste la famiglia perfetta, ma non bisogna avere paura dell'imperfezione, della fragilità, nemmeno dei conflitti; bisogna imparare ad affrontarli in maniera costruttiva». Così il Papa nel Messaggio per le Comunicazioni sociali: «Per questo la famiglia in cui, con i propri limiti e peccati, ci si vuole bene, diventa una scuola di perdono».

«In un mondo, poi - afferma papa Francesco -, dove così spesso si maledice, si parla male, si semina zizzania, si inquina con le chiacchiere il nostro ambiente umano, la famiglia può essere una scuola di comunicazione come benedizione». E questo, aggiunge, «anche là dove sembra prevalere l'inevitabilità dell'odio e della violenza, quando le famiglie sono separate tra loro da muri di pietra o dai muri non meno impenetrabili del pregiudizio e del risentimento, quando sembrano esserci buone ragioni per dire 'adesso basta'; in realtà, benedire anzichè maledire, visitare anzichè respingere, accogliere anzichè combattere è l'unico modo per spezzare la spirale del male, per testimoniare che il bene è sempre possibile, per educare i figli alla fratellanza».

La famiglia è «il primo luogo dove impariamo a comunicare»: «tornare a questo momento originario ci può aiutare sia a rendere la comunicazione più autentica e umana, sia a guardare la famiglia da un nuovo punto di vista». Lo afferma papa Francesco all'inizio del suo Messaggio per la 49/ma Giornata Mondiale delle Comunicazioni sociali, da lui dedicato - nel contesto dei due Sinodi convocati sulla famiglia - al tema «Comunicare la famiglia: ambiente privilegiato dell'incontro nella gratuità dell'amore».-

«Oggi i media più moderni, che soprattutto per i più giovani sono ormai irrinunciabili, possono sia ostacolare che aiutare la comunicazione in famiglia», dice il Papa. «La possono ostacolare - spiega - se diventano un modo di sottrarsi all'ascolto, di isolarsi dalla compresenza fisica, con la saturazione di ogni momento di silenzio e di attesa».

«La possono favorire se aiutano a raccontare e condividere», aggiunge invitando a «orientare il nostro rapporto con le tecnologie, invece che farci guidare da esse».

«Anche in questo campo, i genitori sono i primi educatori», osserva ancora papa Francesco nel Messaggio per la 49/ma Giornata Mondiale delle Comunicazioni sociali. «Ma non vanno lasciati soli - aggiunge -; la comunità cristiana è chiamata ad affiancarli perchè sappiano insegnare ai figli a vivere nell'ambiente comunicativo secondo i criteri della dignità della persona umana e del bene comune».

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X