Mercoledì, 26 Settembre 2018
CERVIA

Intrappolate nella rete, 6 tartatughe marine uccise nel Mar Adriatico

«Da un paio d'anni la mortalità delle Caretta in Adriatico è aumentata, anzi, quasi raddoppiata. Occorre capire se e quanto possa influire su questo disastro questo tipo di pesca».

CERVIA. Sei cadaveri di tartarughe marine della specie Caretta caretta, di dimensioni variabili fra i 35 e i 60 cm, sono stati trovati dalla Guardia Costiera di Cervia intrappolati in una rete abbandonata a un centinaio di metri da riva. Lo rende noto Sauro Pari, presidente Fondazione Cetacea onlus.

«La rete, evidentemente una rete da posta calata al largo - spiega Pari - si era attorcigliata agli arti, al collo, aveva strozzato le tartarughe - almeno due su sei - e non c'era stato più nulla da fare. Le reti da posta sono spesso lunghe chilometri e chilometri, si arriva anche a 50 km, sono fatte di filo finissimo ma molto resistente, colorate di un colore azzurro/verde per mimetizzarsi meglio nell'acqua, catturano il pesce di passaggio ma anche tartarughe e delfini. Molte di queste reti vengono calate abusivamente e di conseguenza la Guardia Costiera le sequestra».

«Da un paio d'anni la mortalità delle Caretta in Adriatico - sottolinea Pari - è aumentata, anzi, quasi raddoppiata. Occorre capire se e quanto possa influire su questo disastro questo tipo di pesca».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X