Domenica, 23 Settembre 2018
GUSTO

Per Natale i menu dei super chef per una tavola a 5 stelle

Da Londra a Sorrento, da Parigi a Kuala Lampur, solo il top

ROMA. Menù d'autore. Atmosfere esclusive, il piacere di rilassarsi dalla prima all'ultima portata e il divertimento di scegliere tra mare, montagna o città d'arte. E' il Natale e Capodanno extralusso di chi quest'anno per cenoni e pranzo sceglierà la tavola super stellata dei più raffinati hotel e resort a 5 stelle. Per chi non pensa che il Natale, come dice il proverbio, ''debba essere con i tuoi'', ma piuttosto in una suite con vista. Ma anche per chi, al contrario, vuole regalare un giorno speciale a tutta la famiglia, a pochi chilometri da casa. A partire dal centro del mondo, New York, dove il Natale si festeggia tra aragoste e Beef Wellington con il menù dello chef John DeLucie al King Cole Bar & Salon dello storico The St. Regis. Mentre i nostalgici dei sapori italiani possono scegliere ilMaialino, pluripremiato ristorante del Gramercy Park Hotel, dove, anche nel cuore di Manhattan, lo chef Nick Anderer offre piatti tipici della cucina italiana, dal Carpaccio di polpo ai Carciofi alla romana.

Per i più romantici, tappa d'obbligo a Parigi, dove Jean-Yves Leuranger, premio Meileur Ouvrier de France, si esibirà per gli ospiti dell'Hotel Fouquet's Barrière, perla dei The Leading Hotels of the World, con un cenone a base dei più grandi classici della tradizione francese, dal Salmone affumicato con caviale Baeri al Fois gras, Cavolfiore alle nocciole; Faraona al tartufo e, per dessert, una Stella di cioccolato. Il tutto, ovviamente, sorseggiando un calice di Champagne. Per gli amanti della campagna inglese, ecco il Belmond Manoir aux Quat'Saisons, nell'Oxfordshire, che non solo conta sul genio e la creatività di Raymond Blanc, ma per i menù delle vacanze punta tutto sulle prelibatezze del suo orto da più di 90 tipi di vegetali e 70 varietà di erbe e su una cantina di 1.000 vini diversi provenienti da tutto il mondo. Se invece siete diretti dall'altra parte del mondo, da non perdere assolutamente un ultimo dell'anno al Nahm, al piano terra del Metropolitan by Como di Bangkok, nominato dalla prestigiosa guida S. Pellegrino 2014 il miglior ristorante di tutta l'Asia e il 13esimo al mondo. Qui, tra tavoli in legno e pareti di mattoni, il pluripremiato chef australiano David Thompson rivisita i piatti della secolare tradizione tailandese, dal Pesce affumicato con arachidi e gnocchi di tapioca all'Insalata di gamberi d'acqua dolce con carne di maiale e centella asiatica. E dopo cena, il 2015 si aspetta con un party sotto il cielo stellato fino alle 3 del mattino. All'ombra delle inconfondibili Petronas Twin Towers di Kuala Lumpur, perla della Malesia, ecco poi il Lafite, il più esclusivo dei ristoranti dello Shangri-la Hotel, dove lo chef Mario Hofmann ha in serbo tre menù speciali per Natale e Capodanno, tra Ballotine di anatra e fois gras, Lasagne di aragosta, Coquille Saint Jacques e caviale. E ancora, per chi sogna una vacanza all'insegna del relax, The Leading Hotels of the World consiglia il The Legian Bali, resort dall'anima Zen realizzato dal designer Jaya Ibrahim direttamente sulla spiaggia di Seminyak,.

Qui, tra tramonti, templi indù e foreste pluviali color smeraldo, l'Executive Chef Luca MacLeod ha pensato a un giro del mondo in cucina, con la cena della vigilia a base di sei portate dai sapori francesi (imperdibile la zuppa di funghi porcini e castagne), per proseguire il giorno di Natale con un pranzo in stile australiano tra gamberi, ostriche e specialità del barbecue. E finire, in onore dei padroni di casa, con la cena indonesiana Rijsttafel, tra specialità come il Babi Guling o il Pollo in lemograss, crema di cocco e salsa di arachidi. Ma per un Natale a 5 stelle, non occorre necessariamente volare lontano. Ancora dalla collezione dei The Leadings Hotels, l'Excelsior Vittoria di Sorrento, con la sua vista sul Golfo di Napoli che negli anni ha incantato anche la principessa Margaret e il tenore Caruso, propone un Natale e Capodanno di charme tra i cocktail del leggendario barman del Ritz Paris, Colin Field, e i menù dello chef stellato Luigi Tramontano. Un mix tra tradizione delle feste e sapori mediterranei, che sforna Cappelli di burrata e patate su carpaccio di gamberi rossi, Sformatini di panettone con sorbetto al mandarino e crema inglese, senza dimenticare, non sia mai, zampone, lenticchie, struffoli e zeppoline.

Per chi sogna un tuffo nel passato de La Dolce Vita, a due passi da Roma, La Posta Vecchia di Ladispoli e lo chef stellato Michelino Gioia a Capodanno portano in tavola al The Cesar un cenone ''Amarcord'', tra Capesante, foie gras marinato e crema di castagne al sentore di agrumi, Fregola sarda, astice, carciofi e mentuccia romana e Tortelli di fontina, tartufo e cime di rapa. Se poi volete farvi un regalo, ma senza eccedere con le calorie, dopo una bella passeggiata nella City, godetevi l'afternoon tea più elegante e famoso di Londra, al Palm Court dello storico The Rizt, con mini sandwich, torte appena sfornate e i canti natalizi del Coro dell'hotel.

© Riproduzione riservata

TAG: ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X