Domenica, 23 Settembre 2018
IL CASO

Marò, il ministro Gentiloni: "Urgente richiamare l'ambasciatore"

"Di fronte a un atteggiamento così grave - dice il ministro degli Esteri -, si riserva tutti i passi"

ROMA. «Di fronte a un atteggiamento così grave» delle autorità indiane «il governo si riserva i passi necessari a partire dall'urgente richiamo per consultazioni dell'ambasciatore italiano a Nuova Delhi» anche se «non si tratta di rottura delle relazioni diplomatiche». Lo ha detto il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni.

L'Italia «si riserva tutti i Passi necessari» nei confronti delle autorità indiane sulla vicenda dei due marò Massimiliano Latorre e Salvatore Girone. Lo ha detto il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni alle commissioni riunite Esteri e Difesa. E lo «dobbiamo fare», ha aggiunto «senza improvvisazioni» e «con il necessario equilibrio».

La posizione del fuciliere Girone è per noi motivo di «angosciosa preoccupazione». Lo ha detto il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni ale commissioni Esteri e Difesa, ribadendo «l'irritazione del governo italiano» per le decisioni prese dalla Corte Suprema indiana che ha respinto richieste «umanitarie» per i due marò. Le autorità indiane, ha sottolineato, hanno accumulato una serie «incredibile di rinvii».

L'impegno per il pieno recupero fisico di Massimiliano Latorre è «una priorità per il Governo e nulla sarà fatto per mettere a rischio le sue condizioni». Lo ha detto il ministro della Difesa, Roberta Pinotti, in audizione alle commissioni riunite Esteri e Difesa di Camera e Senato, parlando della vicenda dei due marò.

«Siamo delusi ed irritati per la decisone della Corte suprema indiana sui due marò. Le nostre istanze erano di carattere umanitario e ci aspettavamo un risultato diverso», ha aggiunto il ministro della Difesa. Salvatore Girone, ha detto, «è in India da quasi tre anni, la sua detenzione crea disagio ed è in cima ai nostri pensieri. Il Governo metterà in atto tutte le misure possibili per rimediare».

Nella vicenda dei due marò sono in gioco «principi irrinunciabili di sovranità internazionale» e l'Italia ha l'obbligo di reagire« di fronte alle decisioni delle autorità indiane, ha concluso il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni sottolineando: "mi auguro" che "sia una reazione ferma e unitaria".

"In questo momento difficile occorre dare una risposta forte e unitaria, abbiamo bisogno di unità", ha ribadito anche il ministro della Difesa Roberta Pinotti.

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X