Giovedì, 22 Novembre 2018
REGIONE

L’Ars bloccata in attesa del bilancio. Resta al palo anche il mutuo da due miliardi

Ardizzone: "Formalmente avremmo potuto incardinare il ddl sul mutuo, ma è opportuno aspettare i documenti contabili"

PALERMO. Senza i documenti contabili, che il governo Crocetta non ha ancora approvato, l'indicazione emersa durante la conferenza dei capigruppo all'Ars, riunita dal presidente Giovanni Ardizzone, è che le commissioni non esitino disegni di legge di spesa di iniziativa parlamentare, anche se pressate a farlo da interessi legittimi da parte delle categorie interessate. Il problema, ribadito per l'ennesima volta dal presidente Ardizzone, è che a ogni ddl va allegata la relazione tecnica e in assenza del bilancio, seppur agganciato all'esercizio provvisorio, mancano i presupposti finanziari.

In mancanza dei documenti contabili che il governo Crocetta non ha ancora approvato in giunta (Dpef e documenti di bilancio), la conferenza dei capigruppo dell'Ars, riunita a Palazzo dei Normanni da Giovanni Ardizzone, ha ipotizzato che l'esercizio provvisorio potrebbe arrivare in aula il 30 dicembre.

Rimane al palo, dunque, il mutuo da 2miliardi di euro, già approvato in commissione Bilancio. L'Assemblea è in attesa dei documenti contabili che il governo non ha ancora approvato, così la conferenza dei capigruppo ha deciso di non calendarizzare il disegno di legge così come altre leggi di spesa fino a quando non saranno depositati in Parlamento gli atti di bilancio. "Da un punto di vista formale avremmo potuto incardinare il ddl - dice il presidente dell'Ars, Giovanni Ardizzone - ma trattandosi di un mutuo consistente è opportuno aspettare i documenti contabili".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X