Mercoledì, 21 Novembre 2018
SICUREZZA A TAVOLA

Cambiano le etichette alimentari: saranno più trasparenti

Indicheranno gli allergeni nei menu, fino alle carni e al pesce ricongelati

ROMA. Al supermercato, o a cena fuori, senza brutte sorprese nel piatto per i tanti - un numero crescente pari ad almeno 2,5 milioni di italiani, secondo una stima Coldiretti - che soffrono di allergie alimentari. Ma non solo: anche se si acquista o ordina carne o pesce ricongelati, il ''ricongelamento'' avvenuto andrà presto indicato in etichetta come, a caratteri leggibili, andrà messa in chiaro la presenza di ingredienti con glutine, a tutela dei celiaci, e la presenza di allergeni comuni come la frutta in guscio, i molluschi, le arachidi, la soia o il sedano. In virtù dell'applicazione del Regolamento comunitario 1169/2011 già entrato in vigore in altri Paesi Ue, tra due settimane, dal 13 dicembre, anche in Italia cambiano le etichette degli alimenti e bevande, e arrivano nuovi obblighi per i gestori di ristoranti, pizzerie e pubblici esercizi, che dovranno indicare nei menu la presenza di eventuali allergeni.

La novità, che sta provocando gran 'maretta' tra gli operatori del settore ristorazione, è tuttavia ben accolta nel mondo sanitario ma anche dagli addetti alla pesca e alcune organizzazioni agricole che vedono nella trasparenza una leva di rilancio dei consumi alimentari. In particolare, secondo Federcoopesca-Confcooperative, ''le nuove regole
sull'etichettatura degli alimenti potrebbero far aumentare del 22% le vendite di pesci, molluschi e crostacei'', tra gli allergeni più popolari nei banchi-vendita. Ancora più ottimista Fernando Favilli, membro del consiglio direttivo di Assobio: ''Si apriranno le porte del consumo di cibo fuori casa'' afferma a nome dei produttori del biologico. E' tempesta invece nelle sedi Fipe Confcommercio: "A tre anni dalla pubblicazione del regolamento europeo - denuncia Lino Enrico Stoppani, presidente della Fipe - gli esercenti italiani attendono ancora di sapere quali indicazioni dovranno fornire, e come. E non sanno l'entità delle sanzioni. È inaccettabile" tuona.

Incerto anche il calendario: "solo dopodomani saranno presentati i decreti attuativi - sottolinea il direttore generale di Fipe-Confcommercio, Marcello Fiore - e prima della pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale e dell'entrata in vigore saranno passati molti giorni, ben oltre la data del 13". Il presidente della Regione del Veneto Luca Zaia stima costi per gli esercenti non inferiori a 50 milioni di euro e con dei menu molto più simili alla Treccani''. Tuttavia, ''leggere e comprendere le etichette degli alimenti è importante perché ci consente di fare scelte più sane e consapevoli'', sottolinea il ministero della Salute che, sul proprio sito, pubblica una mini guida ai cambiamenti in etichetta. L'operazione-trasparenza ha indubbi vantaggi sia in termini di tutela della salute che nel calmierare i costi sanitari. ''Indicando nei menu gli allergeni presenti nei piatti si potrebbero evitare fino al 50% o 60% dei casi di accesso al pronto soccorso per choc anafilattico o crisi allergiche gravi'' affermano gli allergologi: ''La maggior parte dei ricoveri d'urgenza dovuti a questi motivi avvengono proprio dopo pasti in luoghi pubblici e sono dovuti alla manipolazione del cibo nei ristoranti", spiega Antonino Musarra, presidente eletto dell'Aaito, Associazione Allergologi Immunologi Territoriali e Ospedalieri.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X