Mercoledì, 14 Novembre 2018
GIAPPONE

Esplosioni e fumo oltre i mille metri, il vulcano Aso torna a fare paura

I movimenti sismici, infatti, si sono amplificati martedì e sono rimasti su livelli significativi anche in queste ore

TOKYO. Il monte Aso, il più grande vulcano attivo in Giappone e tra i principali al mondo, ha manifestato una preoccupante attività con esplosioni e un pennacchio grigio che ha ormai raggiunto i 1.000 metri di altezza. Situato nella prefettura meridionale di Kumamoto, la cenere è stata rilevata nella città di Takeda, distante 30 km dal cratere orientale, ha riportato la stazione di osservazione di Fukuoka della Japan Meteorological Agency (Jma) rimarcando i rischi di «nuove esplosioni nei prossimi giorni».

I movimenti sismici, infatti, si sono amplificati martedì e sono rimasti su livelli significativi anche oggi, in assenza di segnali che facciano ipotizzare una grande eruzione: il livello di allerta è ufficialmente a quota 2 (lo stesso deciso ad agosto e che implica il divieto di avvicinarsi a meno di un chilometro dal cratere), ma la vigilanza è diventata più stringente. Il monte Aso è uno dei 47 vulcani a essere monitorati di continuo sugli oltre 110 ufficialmente attivi in Giappone.

A settembre, il vulcano Ontake, tra le prefetture centrali di Gifu e Nagano, è esploso all'improvviso cogliendo di sorpresa oltre 300 escursionisti: il bilancio di circa 60 vittime ne ha fatto il più pesante disastro naturale del suo genere in Giappone dalla fine della Seconda guerra mondiale.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X