Mercoledì, 21 Novembre 2018
ANIMALI

L'allarme della Coldiretti: allevamenti di pecore a rischio

di
In 3 anni perse oltre 112 mila unità ma si teme un’ulteriore riduzione anche nel 2014. E intanto l’importazione di latte e formaggi cresce del 5%

ROMA. Per anni hanno rappresentato uno dei comparti storici della Sicilia, dando vita a produzioni uniche e di gran pregio. Oggi gli allevamenti ovini rischiano di scomparire, assottigliandosi anno dopo anno, decimati dalle importazioni, dai costi di produzione e dal basso prezzo di vendita. I dati presentati dalla Coldiretti regionale sono impietosi: in 3 anni gli allevamenti siciliani hanno perso oltre 112 mila pecore. Dalle 723 mila del 2011 si è passati a poco più di 611 mila dello scorso anno e si teme ancora una riduzione per il 2014. Nel 2013 la zootecnia siciliana ha registrato un decremento di circa 84 milioni di euro e un aumento dell’importazione di latte e formaggi del 5 per cento rispetto all’anno precedente.

«Oggi un litro di latte ovino viene venduto da 64 a 74 centesimi Iva compresa, ma solo per produrlo se ne spendono circa 82 - spiega il presidente regionale della Coldiretti, Alessandro Chiarelli - . Produzioni a denominazione di origine protetta, come il pecorino o il caciocavallo, non sono molto conosciute perché si preferiscono formaggi che prima di arrivare sulle nostre tavole percorrono migliaia di chilometri. Ogni anno - continua Chiarelli - arrivano nell’isola tonnellate di cagliate, preparati, formaggi spalmabili. Ed è grave che alcune industrie di caseificazione scelgano di utilizzare materie prime straniere, confezionando all’esterno prodotti che poi vendono in Sicilia. Il latte ovino, da troppo tempo, è sottopagato da un cartello di caseificatori che non permettono né di valorizzare la produzione né di contribuire all’economia».

ALTRE NOTIZIE SUL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA OGGI

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X