Giovedì, 20 Settembre 2018
LOTTA ALLA LUDOPATIA

Gioco d’azzardo, dati allarmanti in Sicilia: un progetto per la prevenzione

di
Verrà presentato martedì all’assessorato alla salute. A Palermo da 6 ad 800, in 8 anni, i casi di «malattia conclamata»

PALERMO. Giocare a tutti i costi, contro la logica dei numeri e delle probabilità, contro se stessi e le famiglie, gli ultimi dati denunciano un successo travolgente del gioco d'azzardo in Italia, tra i primi Paesi al mondo per consumo di questo tipo: si è passati da un fatturato di 24,8 miliardi di euro nel 2004 agli 88,5 del 2012. Solo nel 2013 c'è stato un leggero calo del fatturato, che si è fermato a 84,7 miliardi, probabilmente a causa della crisi economica. E se si stimano in 17 milioni le persone che hanno giocato almeno una volta in un anno, sono 600-700 mila i giocatori ad alto rischio di ludopatia e 250-300 mila quelli già patologici.

In ogni angolo di tabaccheria, in ogni retrobottega di bar ci sono decine di anziani che grattano o davanti le macchinette, sale giochi ovunque e negli ultimi tempi in Sicilia anche mascherate da «cartolerie, fotocopie», entri e si gioca, si scommette. I dati siciliani hanno solo una verifica simbolica e si concentrano sull'Asp Palermo dove nel 2006 erano una decina le pratiche e oggi sono oltre seicento le cartelle aperte e intolate a gente che si può indicare come «malata conclamata».

Un piccolo particolare rispetto alla media nazionale della patologia, ne parla la psichiatra Francesca Picone, dirigente del Centro dipendenze senza sostanze dell'azienda sanitaria Asp Palermo e responsabile del servizio tossicodipendenze. «Intanto la relazione annuale al Parlamento, presentata pochi giorni fa, segnala che i giocatori patologici sono raddoppiati nel 2014 rispetto al 2013, un boom eclatante. E per i dati regionali, le seicento cartelle aperte a Palermo indicano che le richieste di trattamento sono raddoppiate perché c'è un sommerso che è insondabilmente aumentato».

In Sicilia il fronte del controllo ludopatie è avanzato e l'assessorato regionale alla Salute diretto da Lucia Borsellino presenterà martedì prossimo le linee-guida sul gioco d'azzardo patologico, titolo: «La Regione dà le regole del gioco», un workshop all'Albergo dei Poveri.

ALTRE NOTIZIE SUL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X