Giovedì, 20 Settembre 2018
L'INTERVISTA

Il dibattito sulla fuga dalla Sicilia, Gullotta: «Io non sono mai scappato, anche se abito a Roma»

di
L’attore: «Vivo fuori dall’Isola da 45 anni ma la mia radice è sempre lì, dove sono nato. Puoi andar via per aprirti al mondo ma se fuggi sei uno che ha problemi»

CATANIA. Leo Gullotta, impareggiabile maschera comica e tragica del teatro italiano, vive ormai da tempo lontano dalla «sua» Catania - «non ho più neppure casa, dopo la morte di mia madre» - ma non vuole essere accomunato a Giampiero Mughini, altro figlio d'Etna, da decenni «in esilio volontario» fra la Città Eterna e la Torino bianconera.

Lei «non scappa», ma ha trasferito altrove la sua residenza quando ancora era ragazzo o poco più. Perché se n'è andato? 

«Non me ne sono mai andato. Chi se ne va, è uno che ha problemi di vario genere. La mia radice è quella, rimane quella. Io, però, negli anni Sessanta e Settanta avevo fatto dieci anni di esperienza al Teatro Stabile di Catania e ciò che avevo appreso dai grandi, da Salvo Randone e Turi Ferro, mi aveva fatto capire quanto questo mestiere sia basato sul guardare gli altri. Se vuoi essere interprete, devi aprirti al mondo e assorbirlo».

Quindi, il trasloco a Roma...
«Io ci vivo ormai dalla bellezza di quarantacinque anni. Stiamo, quindi, parlando di un paesaggio totalmente differente rispetto a oggi».

Una scelta, la sua. Per tanti giovani, invece, una necessità abbandonare adesso la Sicilia?
«Non credo che il problema sia solo siciliano. Piuttosto, si va via dall'Italia! E questo avviene a causa di una politica ottusa, inaccettabile, che non costruisce nulla. Assistiamo a uno slogan continuo, ma di fatti se ne vedono pochi. Oggi, chi emigra lo fa con l'animo dolente. Non è certo il mio caso di allora».
L’INTERVISTA INTEGRALE SUL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X