Venerdì, 16 Novembre 2018
PERSONAGGI

I 40 anni di DiCaprio, una carriera da divo ma nemmeno un Oscar

di
Probabilmente coglierà l’occasione del compleanno per organizzare una delle sue feste a sfondo sociale, un party per raccogliere fondi per la sua fondazione che si occupa della causa ambientale.

Quarant'anni per un uomo sono un'ottima età. Un quarantenne maschio è maturo, sicuro di sè, in carriera e, al contrario delle coetanee, non è ossessionato dalle prime rughe.

Quarant'anni sono l'ottima età di Leonardo DiCaprio, maturo, sicuro di sè, attore di successo e certamente non preoccupato delle rughe che hanno regalato fascino ai lineamenti perfetti - e sempre un pò più acerbi della sua vera età - che gli hanno aperto la strada a Hollywood negli anni Novanta, con successi come Romeo + Giulietta, Titanic, La maschera di ferro e The Beach.

I quarant'anni di Leo DiCaprio arriveranno martedì e l'attore, conosciuto per le sue numerose attività benefiche, probabilmente coglierà la palla al balzo per organizzare una delle sue feste a sfondo sociale. Lo aveva fatto anche l'anno scorso, quando a New York Leo aveva organizzato un mega-party insieme a Kenye West, per raccogliere fondi per la Leonardo DiCaprio Foundation, che si occupa della causa ambientale. Per l'occasione aveva persino rappato - con successo a dire il vero discutibile - e aveva messo all'asta alcune bottiglie di champagne con il marchio del Grande Gatsby, il film che lo ha visto nuovamente diretto, a 18 anni di distanza da Baz Luhrman, il regista di Romeo + Giulietta.

Ma le origini della carriera di DiCaprio hanno a che fare con il piccolo schermo: Pappa e ciccia, Fra nonni e nipoti, Genitori in blue jeans, sono le serie che l'hanno fatto conoscere, prima di arrivare al cinema e alla sua prima nomination all'Oscar, non ancora ventenne, per Buon compleanno Mr. Grape. La candidatura al premio più importante, ma mai la statuetta, arriverà altre 3 volte, per Blood diamond, The Aviator e The Wolf of Wall Street, questi ultimi due diretti da Martin Scorsese, che con DiCaprio ha collaborato quattro volte (oltre a The Aviator e The Wolf of Wall Street, Gangs of New York e Shutter Island).

Oscar mai arrivati a parte, la carriera di DiCaprio è costellata di grandi successi: è stato diretto da Steven Spielberg in Prova a prendermi accanto a Tom Hanks, da Chris Nolan nell'onirico Inception, da Sam Mendez in Revolutionary Road, che lo vedeva di nuovo accanto a Kate Winslet dopo Titanic, da Clint Eastwood in J. Edgar, sulla figura del capo della Cia negli anni 50 Edgar Hoover e da Quentin Tarantino in Django.

Scapolone d'oro di Hollywood, DiCaprio è stato fidanzato con donne bellissime, quasi tutte modelle: da Gisele Buendchen a Bar Refaeli, persino la «venere nera» Naomi Campbell pare aver ceduto al suo fascino. L'ultima in ordine di tempo è Toni Garrn, con cui fa coppia da quasi due anni, quasi un record per l'attore. A giocare a favore della bionda ventiduenne è, probabilmente, la maturità degli «anta».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X