Giovedì, 15 Novembre 2018
TEST SUI TOPI

Dieta ricca di grassi può ritardare l'invecchiamento del cervello

A lungo termine la scoperta può offrire la possibilità di mettere a punto nuove terapie contro l'Alzheimer e il Parkinson

ROMA. I grassi contenuti negli alimenti hanno anche molte virtù, alcune inaspettate: infatti una ricerca (su animali) mostra che adottare una dieta ricca di grassi - specie grassi 'buoni' quali quelli presenti in cocco e latte - potrebbe addirittura ritardare l'invecchiamento del cervello. A lungo termine la scoperta, pubblicata sulla rivista Cell Metabolism, può offrire la possibilità di mettere a punto nuove terapie contro l'Alzheimer e il Parkinson.

Coordinato da scienziati del Centro per lo studio dell'invecchiamento dell'Università di Copenaghen, il lavoro mostra che nutrire roditori con una dieta ricca di grassi aiuta a posporre anche altri segni dell'invecchiamento come la riduzione dell'udito e la perdita di peso. Lo studio è stato condotto da Vilhelm Bohr usando particolari topi geneticamente predisposti ad invecchiare precocemente. È emerso che alimentando gli animali con una dieta ricca di grassi, in particolare quelli tecnicamente chiamati 'acidi grassi a catena media', presenti ad esempio in noce di cocco e latte (molto concentrati in olio di cocco e burro), si può ritardare l'invecchiamento del cervello in questi animali.

In particolare, questa alimentazione ricca di grassi rallenta alcuni processi tipici dell'invecchiamento tra cui la comparsa di deficit di funzioni cerebrali o perdita di capacità intellettuali.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X