Giovedì, 15 Novembre 2018
TRAPIANTI

Stop alla convenzione Regione-Ismett
L'allarme dell'università di Pittsburgh:
si trovi l'intesa per i pazienti

di
Niente più contributo speciale al centro, ma solo il rimborso delle prestazioni effettuate secondo un tetto stabilito. Borsellino: “I pazienti saranno seguiti sempre con i massimi livelli di competenza”
contributi, ismett, ospedale, regione, sanità, Lucia Borsellino, Sicilia, Palermo, Politica
Lucia Borsellino - SANITA'. Primogenita di Paolo Borsellino,il magistrato ucciso dalla mafia, è nata a Palermo nel 1969. Nel 1993 si laurea in Farmaciaa Palermo, lo stesso anno viene assunta alla Regione,subito destinata all’assessoratoalla Sanità. In piazza Ottavio Ziino ricopre diversi ruoli, iniziala sua carriera come dirigente di terza fascia fino a diventare nel 2010. Dirigente generalementre assessore era Massimo Russo. Nel 2012 è entrata nel primo governo Crocetta come assessore alla Salute

PALERMO. Non sarà rinnovata la vecchia convenzione tra Regione e Ismett, l'istituto mediterraneo Trapianti di Palermo. La giunta Crocetta ha deciso che l'Ismett non riceverà più un contributo speciale, ma come tutte le altre strutture sanitarie siciliane, riceverà il rimborso delle prestazioni effettuate secondo un tetto stabilito.

La vecchia convenzione scadrà il 31 dicembre. Quattordici associazioni di trapiantati hanno espresso preoccupazione per il futuro dei malati. Ma l'assessore regionale alla Salute, Lucia Borsellino, afferma: "Sul fronte dell'assistenza non cambierà nulla. I pazienti saranno seguiti sempre con i massimi livelli di competenza". La Borsellino spiega che l'Ismett è stato riconosciuto dal ministero come istituto di rilievo nazionale su richiesta della Regione. E continuerà ad avvalersi della collaborazione con l'Università di Pittsburg.

I DATI. La notizia sullo stop alla convenzione Regione-Ismett arriva mentre si registra un'iimpennata di trapianti dopo il richiamo della Regione ai nuovi manager per spronare il personale ospedaliero a sensibilizzare i familiari dei potenziali donatori di organi. Le donazioni sono raddoppiate in quattro mesi da luglio a ottobre: nel primo semestre erano state venti. Adesso si è arrivati a 40. E anche i trapianti sono passati da 98 a 174. Salvatore Camiolo, coordinatore regionali delle attività delle Associazioni per il trapianto afferma: “Dopo l'appello delle associazioni fatto sul Giornale di Sicilia la Regione ha sollecitato i nuovi direttori generali e qualche impennata di donazioni c'è stata sia in agosto e in settembre. Ma pensiamo che i manager ancora devono mettere mano al problema investendo nelle Rianimazioni”. Se nel 2010 erano state effettuate 43 donazioni, negli anni successivi c'era stata una impennata: 55 nel 2011, 65 nel 2012 e 70 nel 2013. Mentre da gennaio a fine giugno 2014 si erano registrati appena 20 donazioni.

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X