Mercoledì, 14 Novembre 2018
CONCERTAZIONE

Imprese e tavoli di crisi, prevista settimana di fuoco per il Governo

ROMA. Le prime pagine sono tutte per l'Ast di Terni, ma le crisi aziendali in giro per la Penisola sono tante e in molti casi passano per i tavoli del ministero dello Sviluppo economico e del Lavoro dove, anche la prossima settimana, gli appuntamenti in programma non mancano.

Si comincia lunedì con Ideal Standard, oggetto dell'incontro al ministero del Lavoro per la proroga della cassa integrazione dopo il positivo incontro del 30 ottobre al Mise in cui è stato accolto con favore il piano industriale della cooperativa Ideal Scala, destinata a subentrare nella gestione dello stabilimento di Orcenico di Zoppola (Pordenone).

Martedì potrebbe essere il giorno della Lucchini: i sindacati, dietro loro richiesta, erano stati convocati al Mise per conoscere l'andamento della vicenda a seguito delle due offerte vincolanti pervenute, quella del gruppo algerino Cevital e quella del colosso indiano Sgw Jindal, ma l'appuntamento potrebbe slittare.

Mercoledì si parla di Umbria, ma non di Ast, il cui tavolo è in programma il giorno successivo: la vertenza è quella della Sgl Carbon di Narni Scalo, per la quale si è fatta avanti la società trevigiana Morex con un piano industriale quinquennale che sarà oggetto di valutazione da parte delle istituzioni e dei sindacati. Lo stesso giorno, poi, si potrebbe concludere positivamente la vicenda della raffineria Eni di Gela: dopo le riunioni a livello tecnico del giorno precedente, infatti, potrebbe essere il giorno buono per la firma del protocollo d'intesa per l'avvio della bioraffineria con la salvaguardia di tutti i posti di lavoro, così come previsto dall'accordo di massima raggiunto alla fine di luglio.

Altre riunioni, ma a livello tecnico, sono poi previste per la Edison Sun, la Trombini, l'Ilva di Patrica e Fincantieri Palermo. Per quanto riguarda poi Meridiana, dopo la fumata nera del 27 ottobre, quando l'azienda ha confermato i 1.634 esuberi malgrado i tentativi di soluzione esercitati dal ministero del Lavoro, il confronto è ora solo di natura sindacale, senza Governo: l'appuntamento tra l'ad Roberto Scaramella e i lavoratori dell'aeroporto di Olbia dovrebbe essere in programma venerdì 7.

Un nuovo incontro, infine, potrebbe essere convocato anche per la vicenda dello stabilimento Trw di Livorno, che opera nel settore dei sistemi di sicurezza dell'automotive. Il Mise, dopo il tavolo del 29 ottobre, aveva infatti parlato di una ulteriore convocazione «entro dieci giorni». Stando ai verbali delle precedenti riunioni, poi, ci potrebbero essere le convocazioni (che però potrebbero anche slittare alla settimana successiva vista la quantità delle riunioni in programma) per la valorizzazione dei due siti Esaote di Firenze e Genova e per lo stabilimento Sapa di Fossanova (Latina), per il quale ferve la ricerca di nuovi investitori per una possibile riconversione.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X