Lunedì, 24 Settembre 2018
TERRORISMO

Nuovo allarme Onu: sono 15mila i combattenti stranieri con l'Isis

Numeri "senza precedenti" e stanno aumentando.

NEW YORK. Un numero di combattenti stranieri "senza precedenti" che si sono uniti alla jihad, da Paesi che non avevano mai fornito 'manodopera' al terrorismo islamico. E' l'allarme lanciato dall'Onu in un rapporto di cui il quotidiano britannico Guardian ha avuto un'anticipazione. Sono "15.000" i 'foreign fighters' partiti alla volta della Siria e dell'Iraq per combattere accanto all'Isis o ad altri gruppi estremisti.

Provengono da 80 paesi diversi, di cui l'Onu non fornisce una lista dettagliata, limitandosi a nominare solo i luoghi che mai prima di oggi erano stati patria di futuri jihadisti: Maldive, Cile, Norvegia. "Dal 2010 a oggi sono partiti più foreign fighters di quanti non ne siano partiti nel ventennio 1990-2010. E stanno aumentando", è scritto nel rapporto.

Appello dell'Isis ai musulmani egiziani a "sostenere gli eroi e i leoni del Sinai che non temono nulla per la creazione di uno Stato islamico". Il video è stato postato da sito jihadista con la bandiera nera, il 22 ottobre. Il 24 ottobre una serie di attentati ha fatto strage di militari egiziani nel nord della penisola.

Intanto il leader dello Stato islamico Abu Bakr al Baghdadi è stato nominato capo del Califfato di Derna, città all'est della Libiacontrollata dai jihadisti. Lo riferiscono media locali. Una bomba artigianale è esplosa contro la tribuna del Consiglio della gioventù islamica, affiliata all'Isis, durante le celebrazioni in piazza per la nomina.

Orrore jihadista senza fine. "Centinaia di uomini appartenenti alla tribù Albonemer, sono stati sepolti in una fossa comune ad Heet, 130km ad ovest di Baghdad" lo affermano testimoni all'agenzia di stampa turca Anadolu, aggiungendo che gli uomini erano stati sequestrati e poi uccisi per vendetta contro la loro tribù che aveva cercato di impedire all'Isis di conquistare la zona situata ad ovest di Baghdad.

L'età degli uomini giustiziati, da distanza ravvicinata, si aggira, secondo i testimoni, tra 18 e 55 anni. Interpellato dall' agenzia turca, il comandante delle operazioni Anbar, Rashid Falih, ha detto che l'Isis, ha giustiziato in un solo giorno 250 uomini della tribù di Albonemer. In un'altra fosse comune nelle vicinanza della città di Ramadi nella provincia di Anbar, secondo fonti dell'intelligence irachena, ci sono 150 corpi di membri della stessa tribù.

In Svizzera arrestati tre iracheni che preparavano attentati. Tre cittadini iracheni, presunti simpatizzanti dello Stato islamico sospettati di aver pianificato un attacco terroristico in Europa sono stati arrestati dalla Procura svizzera e si trovano in carcerazione preventiva da fine marzo. Lo ha confermato il Ministero pubblico della Confederazione (procura). Il caso, recentemente reso noto dai media, "non era stato confermato ufficialmente per non compromettere l'esito delle indagini in corso nel nostro Paese e all'estero", si spiega in un comunicato.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X