feto, incinta, mamma, morta, Sicilia, Cronaca
LA STORIA

Mamma clinicamente morta, lotta per far sopravvivere il figlio

La donna ha subito un'emorragia fulminante e adesso è mantenuta in vita per salvare il feto di 23 settimane che ha in grembo

MILANO. La mamma - milanese, 36 anni, encefalogramma piatto dopo una fulminante emorragia cerebrale - è clinicamente morta. Nel grembo ha un bambino di 23 settimane che un'equipe dell'Ospedale San Raffaele sta tentando di tenere in vita. Una lotta per la sopravvivenza del feto - si legge sul Corriere della Sera - che ha pochi precedenti al mondo. Una sonda nell'intestino materno permette al feto di essere alimentato, la ventilazione artificiale fa arrivare l'ossigeno nel sangue della donna e quindi al feto. Il cuore continua a battere e finchè c'è quel battito il bambino viene tenuto in vita. In un certo senso, il corpo della mamma si è trasformato in un'incubatrice per proteggere il figlio.

"Un mese per arrivare al parto cesareo". Ci vorrà circa un mese per poter arrivare ad un parto cesareo, e tentare quindi di salvare il feto che oggi è di 24 settimane: a confermarlo all'ANSA sono fonti dell'ospedale. La donna, dichiarata cerebralmente morta, è seguita dal professor Massimo Candiani, primario della ginecologia del San Raffaele, e dal professor Luigi Beretta, direttore dell'anestesia e neurorianimazione.

Per dare al feto qualche chance, spiegano dall'ospedale, è necessario tentare di arrivare il più possibile vicini alla ventottesima settimana: al momento, quindi, si sta lavorando per tenere la donna il più possibile stabile, perché il feto non subisca conseguenze. L'ospedale e gli esperti, comunque, proteggono la famiglia della donna dietro uno stretto riserbo; la morte cerebrale è la conseguenza di una improvvisa emorragia, avvenuta mentre la donna era in casa. Non è noto quali siano le cause che l'hanno scatenata, ma tra le ipotesi potrebbe esserci quella di un aneurisma.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati