Fca, Ferrari, Fiat Chrysler, Lingotto, Sergio Marchionne, Sicilia, Economia
Sergio Marchionne
ENTRO IL 2015

Marchionne: "La Ferrari sarà scorporata da Fiat Chrysler"

La separazione verrà effettuata con un'offerta pubblica di una parte della partecipazione di Fca in Ferrari pari al 10%

TORINO. Ferrari sarà scorporata da Fca. La separazione verrà effettuata con un'offerta pubblica di una parte della partecipazione di Fca in Ferrari pari al 10%. La rimanente partecipazione di Fca in Ferrari sarà distribuita agli azionisti di Fca. La decisione - spiega la società - rientra nell'ambito di un piano per la realizzazione di una struttura di capitale appropriata a sostenere lo sviluppo di lungo termine del Gruppo. Il consiglio ha autorizzato il management ad intraprendere le azioni necessarie a completare queste operazioni nel 2015.

Le azioni di Ferrari saranno quotate negli Stati Uniti e in un altro mercato europeo. E' quanto si attende Fca dopo lo scorporo. Fca inverte ancora la rotta in borsa e con un rally si porta a quota 8 euro dopo l'annuncio dello spin off della Ferrari. Fermata al rialzo anche per Exor.

"Siamo in linea per conseguire gli obiettivi che ci siamo dati per l'intero esercizio 2014. Con la creazione di Fca e il suo debutto al listino di New York abbiamo intrapreso una nuova fase come azienda globale con possibilità sempre maggiori". Così l'ad di Fca, Sergio Marchionnecommenta i risultati del gruppo nel terzo trimestre che "dimostrano una solida performance in un contesto di mercato difficile, particolarmente in America Latina".

Fca conferma i target 2014: ricavi a 93 miliardi, ebit fra 3,6 e 4 miliardi, utile netto di 600-800 milioni, indebitamento netto industriale tra 9,8 e 10,3 miliardi di euro. Fca ha chiuso il terzo trimestre con ricavi in crescita del 14% a 23,6 miliardi di euro. I risultati sono stati approvati dal cda a Londra. Fca ha chiuso il terzo trimestre 2014 con un utile netto pari a 188 milioni di euro, in linea con quello del terzo trimestre 2013.

L'indebitamento netto industriale di Fca è cresciuto di 1,7 miliardi di euro per effetto della normale stagionalità, in linea con la variazione registrata nel terzo trimestre del 2013. La liquidità disponibile è stabile a 21,7 miliardi di euro.

Le consegne globali di Fca sono cresciute del 10% a 1,1 milioni di veicoli, trainate dalla performance delle vendite in Nafta.
"Siamo in linea per conseguire gli obiettivi che ci siamo dati per l'intero esercizio 2014. Con la creazione di Fca e il suo debutto al listino di New York abbiamo intrapreso una nuova fase come azienda globale con possibilità sempre maggiori". Così l'ad di Fca, Sergio Marchionne commenta i risultati del gruppo nel terzo trimestre che "dimostrano una solida performance in un contesto di mercato difficile, particolarmente in America Latina".

L'ebit di Fca si è attestato a 926 milioni di euro, in crescita del 7% (+10% a parità di cambi di conversione), "con tutti i settori in miglioramento ad eccezione del'America Latina dove il mercato permane debole".

Il cda di Fca ha dato il via libera a un convertendo da un ammontare nominale complessivo sino a 2,5 miliardi di dollari Usa di obbligazioni a conversione obbligatoria mediante un'offerta registrata presso la Sec e rivolta a investitori istituzionali statunitensi e internazionali.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati