L'EDITORIALE

Lite sulle poltrone in giunta, la politica gioca sulla pelle di tutti

di

Sulla giunta regionale solo liti per avere qualche assessorato in più. Non si tratta infatti solo di nomi ma anche di metodo. Non si è infatti stabilito se azzerare tutta la giunta o cambiare solo qualche poltrona

Sicilia, Opinioni

La nuova giunta regionale doveva essere pronta giovedì: sarebbe stato il biglietto da visita della ritrovata stabilità politica da offrire a Graziano Delrio, braccio destro di Matteo Renzi. Il regalo è saltato con grande disappunto di Crocetta. Anche il weekend è passato senza notizie. La soluzione non è vicina anche se la trattativa continua. Con un pizzico di delusione, però. Sul tavolo, infatti, non si confrontano programmi o progetti di sviluppo alternativi.

Niente di alato. Solo liti per avere qualche assessorato in più. Non si tratta infatti solo di nomi ma anche di metodo. Non si è infatti stabilito se azzerare tutta la giunta o cambiare solo qualche poltrona. Il presidente prova a resistere. Così il negoziato va avanti a singhiozzo: qualche passo avanti e diversi arretramenti. Leggendo le cronache di vertici convocati e poi annullati, appuntamenti che appaiono e scompaiono come miraggi si ha l’impressione di una classe politica che ha perso completamente consapevolezza di sé. Continua a recitare antiche liturgie senza contenuto proprio nel momento in cui i morsi della crisi diventano più dolorosi. Sono danze di potere sulla pelle dei siciliani.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati