Addio ai cellulari Nokia: ecco i telefonini che hanno fatto epoca

HELSINKI. Addio a Nokia e Windows Phone. Microsoft da' il via alla rivoluzione dei suoi cellulari, sostituendo lo storico marchio finlandese: gli smartphone si chiameranno infatti Microsoft Lumia e non piu' Nokia Lumia com'erano conosciuti fino a poco tempo fa. Il colosso di Redmond nei mesi scorsi aveva lasciato intravedere cambi all'orizzonte e ora li rende ufficiali. Il nuovo corso si aprira' dalla Francia, il primo paese che iniziera' a usare Microsoft Lumia anche per gli account Facebook e Twitter. Poi seguiranno tutti gli altri paesi. La rivoluzione non segnera' pero' la fine di Nokia, che continuera' a esistere come societa' separata senza piu le attivita' di smartphone e concentrata sulle mappe e l'infrastruttura delle reti.

L'operazione di Microsoft, con l'addio alla scritta Nokia, si inserisce nel cambio di rotta impresso dall'amministratore delegato, Satya Nadella, che ha annunciato di recente un forte taglio dei posti lavoro, meno 18.000 unita' di cui 12.500 proprio in Nokia. Per Microsoft il cambio di nome rappresenta - secondo alcuni osservatori - una scommessa: Nokia e' infatti un nome popolare, soprattutto nei mercati emergenti, e vanta un elevato livello di fedelta' fra i suoi clienti.

Con l'acquisizione di Nokia, Microsoft punta a recuperare il terreno perso e sfidare Apple e Samsung, protagoniste indiscusse del mercato degli smartphone. Una rincorsa che non sara' facile, alla luce delle difficolta' di Nokia a mantenere quello che era il suo primato e considerata anche la battuta d'arresto di BlackBerry, che in pochi anni ha bruciato i suoi vantaggi e ora si trova relegata a una piccola quota di mercato. Il cambio a Microsoft Lumia potrebbe voler dire che Microsoft intende unificare i sistemi operativi che girano sui suoi dispositivi, fino a creare un sistema universale.

© Riproduzione riservata