80 euro, famiglie, mamme, Barbara D'Urso, Matteo Renzo, Sicilia, Politica
GOVERNO

Renzi: "Dal 2015 daremo 80 euro alle neomamme per tre anni"

L'annuncio del premier: "Si tratta di mezzo miliardo che sarà destinato alle famiglie"

MILANO. "Dall'1 gennaio del 2015 daremo gli 80 euro non solo a chi prende meno di 1500 euro al mese ma anche a tutte le mamme che fanno un figlio per i primi tre anni. Si tratta di mezzo miliardo destinato alle famiglie". Così il premier Matteo Renzi a Domenica Live.

"Sono arrabbiati un po' tutti: regioni, sindacati, magistrati... io non ho la verità in tasca. Noi siamo al governo da 8 mesi e o tutti facciamo uno sforzo insieme restituendo i soldi ai cittadini o non c'è futuro". Renzi si è poi chiesto: "Le Regioni sono arrabbiate? Gli passerà". Ci sono editoriali, riflessioni commentoni che hanno da ridire ma io penso che vanno lasciati fare, se si divertono, facciano pure... Noi parliamo dei problemi dell'Italia: o si fanno le cose o l'Italia perde l'occasione", ha detto Renzi.

"Siccome per vent'anni hanno sempre pagato le famiglie, ora se iniziamo a fare un po' di tagli ai ministeri e alle Regioni, non è che si possono lamentare", ha aggiunto il premier Renzi. "Per la prima volta dopo anni la legge di stabilità del 2015 prevede 18 miliardi di tasse in meno, sono tanti soldi. Abbiamo capito che l'Italia non può continuare di chiedere sempre ai soliti di pagare", dice il presidente del Consiglio.

"Quando la sera vado a letto penso che ho davanti grandi sfide ma penso di non essere solo: io non sono la causa dei problemi, io spero di essere qui a rappresentare gli italiani che sperano al di là del colore politico che io ce la faccia". Quella adottata sul Tfr è "una soluzione molto saggia: abbiamo trovato strumenti per dire chi lo vuole dal 1 gennaio in busta paga potrà chiederli ad azienda" e al tempo stesso "le banche daranno un aiuto alle aziende" per risolvere i problemi di liquidità. "Lasceremo al cittadino la libertà di fare come gli pare, il Tfr è una possibilità".

Renzi ha poi aggiunto: "Ora è arrivato il momento di mettere da parte bandiere singoli schieramenti e dire 'ragazzi ora ci sono da fare delle cose, se si fanno si vince la madre di tutte le battaglie, che è il lavoro'- C'è da ridurre la tassa sul lavoro. Oggi un imprenditore paga un sacco di soldi, ma molti non arrivano al lavoratore. La spesa dell'imprenditore se la mangia lo Stato. Mettiamolo a dieta. Sono i 6 miliardi per l'Irap'', ha detto il premier.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati