cantieri di servizio, formazione professionale, garanzia giovani, Piano giovani, Sicilia, Economia
I BANDI

Da garanzia giovani ai cantieri di servizio: ecco tutte le opportunità

GARANZIA GIOVANI
Percorsi formativi, tirocini, contratti di apprendistato ma anche incentivi per l’autoimpiego. Ad offrire queste opportunità ai ragazzi siciliani che hanno un’età compresa tra i 15 e i 29 anni e che non sono inseriti in percorsi formativi o di lavoro, è il piano europeo «Garanzia Giovani». Lo gestisce la Regione. Da maggio sono oltre 37 mila i giovani siciliani che si sono iscritti. Per inoltrare la candidatura basta collegarsi al sito www.garanziagiovani.gov.it e completare la scheda anagrafica. Nel sito sono indicate tutte le fasi e i documenti necessari da inoltrare. Per chi non avesse dimestichezza con Internet la registrazione può essere effettuata anche presso i Centri per l’impiego. Dopo circa due mesi dalla presentazione della domanda gli uffici convocano il candidato per un colloquio. L’assessorato al Lavoro avrà quattro mesi di tempo dallo stesso colloquio e, quindi, dalla presa in carico del candidato, per offrirgli un’opportunità di impiego. Sono a disposizione della Regione 178 milioni di euro di fondi europei. Da giorno 3 ottobre, inoltre, le aziende che assumono gli iscritti a Garanzia Giovani possono ottenere gli incentivi a seconda del contratto stipulato. I bonus, gestiti direttamente dall’Inps, possono arrivare a seimila euro.

 

CANTIERI DI SERVIZIO
A distanza di più di un anno dalla pubblicazione del bando sono stati avviati sei cantieri: dopo Baucina, comune in provincia di Palermo con 10 disoccupati coinvolti, i primi ad essere stati attivati sono quelli a Castellamare del Golfo (52 beneficiari), Agira (28), Reitano (11), Aliminusa (10) e Contessa Entellina (10). L’iniziativa regionale per rispondere all’alta richiesta di lavoro era stata varata con carattere d’urgenza nel 2013. Al momento è in corso l’emissione dei decreti di finanziamento alle amministrazioni comunali per consentire l’avvio delle attività. Si tratta di opere di piccola manutenzione e sorveglianza in cui saranno coinvolti ventimila disoccupati e inoccupati siciliani. I beneficiari lavoreranno soltanto per un periodo di tre mesi, non prorogabili, percependo una retribuzione mensile che si aggira sui seicento euro, importo che potrà variare a seconda del nucleo familiare.
PIANO GIOVANI
Sono salve le selezioni del Piano giovani, circa 1.600, fatte a luglio e agosto, mentre con il nuovo bando è prevista l’assegnazione di altri 1.000 tirocini, per un totale di almeno 1400 posti. Secondo il parere dell'Avvocatura dello Stato sono valide le selezioni degli stage fatte con i due «click day» del 14 luglio e del 5 agosto, nonostante le polemiche per il sito internet che non ha consentito a tutti i 50 mila giovani disoccupati siciliani, che si erano iscritti alla procedura, di poter partecipare al bando. Buone notizie anche per i ragazzi che non hanno fatto in tempo a partecipare. Il nuovo bando, la cui uscita è prevista per la prossima settimana, dovrebbe prevedere la possibilità di ampliare il numero dei tirocini da assegnare. Si tratterebbe di altri 1.400 stage da 500 euro al mese. L’assessorato comunica di aver ricevuto il via libera dal ministero del Lavoro per potere incrementare di 3 milioni le somme previste per le singole misure del Piano. Oggi per i tirocini formativi sono previsti 19 milioni.

 

FORMAZIONE PROFESSIONALE
Si attendono i fondi da destinare all’Avviso 18. Una misura che consentirà attraverso il finanziamento degli enti di formare in Sicilia 5 mila operatori socio sanitari, figura molto richiesta dagli ospedali. Settecento enti avevano fatto richiesta per accedere ai fondi.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati