adolescenti, internet, nudi, ricerca, Jennifer Lawrence, Kate Upton, Kirsten Dunst, Rihanna, Sicilia, Società
ALLARME NEL REGNO UNITO

Social mania, sempre più giovani condividono scatti di se stessi nudi

Le ragazze sarebbero più propense dei maschi, fino al doppio, ad inviare messaggi a sfondo sessuale

LONDRA. Cresce l'allarme nel Regno Unito per i comportamenti imprudenti che gli adolescenti tengono sul web e che li espongono ai rischi e agli abusi che corrono in rete: da uno studio condotto da una fondazione attiva contro il bullismo (Ditch the Label) risulta infatti che uno su sette ragazzi e ragazze di 13 e 14 anni ha condiviso su Internet almeno una volta foto di se stessi nudi.

A quanto emerge, il 24% del campione di 2700 giovani tra i 13 e i 25 anni interpellati, ha inviato almeno una volta una foto di se stesso nudo ad una persona conosciuta esclusivamente attraverso il web, mentre il 37% ha inviato lo stesso tipo di immagini attraverso uno smartphone. Se si isola poi il solo gruppo dei 15enni, la percentuale è del 30%. Stando alla ricerca, inoltre, le ragazze sarebbero più propense dei maschi, fino al doppio, ad inviare messaggi a sfondo sessuale. Mentre quasi un quarto degli interpellati ha ammesso che una foto compromettente di sè è stata condivisa senza il suo consenso.

Di qualche settimana fa la notizia di una diecina di star di Hollywood, come Jennifer Lawrence, Rihanna, Kate Upton e Kirsten Dunst, le cui foto private nude sono state piratate e diffuse su Internet, e che per questo hanno minacciato di fare causa a Google, accusando di non aver fatto abbastanza per fermare questa fuga di immagini. In una lettera pubblicata su Hollywood Reporter, Marty Singer, uno dei più noti avvocati, ha reso noto che a nome di queste celebrità chiederà danni e interessi per 100 milioni di dollari.

«Google - si legge nella lettera - guadagna milioni di dollari facendo profitto anche sulla vittimizzazione delle donne». Questa lettera nasce anche al seguito della diffusione su Internet il mese scorso di foto nude, private e rubate di celebrità come Jennifer Lawrence e Kim Kardashian. L'FBI aveva comunque già aperto un'inchiesta all'inizio del mese scorso dopo una prima fuga di immagini rubate di Jennifer Lawrence, Rihanna, Kate Upton e Kirsten Dunst.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati