MANOVRA

Manovra, 100 milioni per i precari di Palermo e ritorna la social card

Rifinanziato l'intervento a favore dei lavoratori socialmente utili anche di Napoli a partire dal 2015

Sicilia, Politica

ROMA. Rifinanziato l'intervento a favore dei lavoratori socialmente utili di Palermo e Napoli. Tra le 'politiche invariate' (articolo 17 della bozza della Legge di Stabilità) si prevedono infatti 100 milioni a partire dal 2015 per sostenere i lavoratori delle due ex capitali dell'ex Regno delle Due Sicilie.

In arrivo altri fondi per finanziare la social card. La misura, di genesi 'tremontiana' (il primo a introdurla fu l'ex ministro dell'Economia, Giulio Tremonti) viene rifinanziata con 250 milioni a partire dall'anno prossimo.

Regioni sul piede di guerra sulla legge di stabilità appena varata dal Governo. "La manovra è insostenibile per le Regioni a meno di non incidere sulla spesa sanitaria". Così il presidente della conferenza delle Regioni Sergio Chiamparino. Abbiamo dato intesa sul Patto per la Salute e il Fondo sanitario: il Patto viene così meno. Il Governo fa delle legittime e condivisibili manovre di politica economica ma usando risorse che sono di altri enti: l'elemento incrina un rapporto di lealtà istituzionale e di pari dignità".

"Una manovra da 36 miliardi e le regioni si lamentano di uno in più?Comincino dai loro sprechi anzichè minacciare di alzare le tasse #no alibi". Così il premier Matteo Renzi su Twitter dopo le critiche avanzate sulla legge di stabilità da parte delle Regioni. "Incontreremo i presidenti di regione. Ma non ci prendiamo in giro. Se vogliamo ridurre le tasse, tutti devono ridurre spese e pretese", dice ancora su Twitter Renzi.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati