doping, inchiesta, Carolina Kostner, Sicilia, Sport
DOPING

Inchiesta su Schwazer, la Kostner interrogata 7 ore

ROMA. Sette ore davanti a un giudice che le deve essere sembrato ben più severo di quelli che le hanno sempre precluso l'oro olimpico. Domande su domande. La giornata in Procura a Bolzano è stata lunghissima per Carolina Kostner, un interrogatorio-fiume figlio evidentemente del fatto che alcune sue dichiarazioni passate, tra quelle ai magistrati ordinari e quelle alla giustizia sportiva, non tornavano agli inquirenti bolzanini. La Procura antidoping del Coni - che accusa la campionessa di pattinaggio di "complicita'" e "omessa denuncia" nei confronti dell'ex marciatore Alex Schwazer - ha infatti inviato il verbale dell'interrogatorio da lei reso lo scorso 26 settembre a Roma ed ha aggiunto anche il referto del Dco (Doping controller officer) della Wada, l'Agenzia antidoping mondiale, che il 20 luglio del 2012 bussò a Oberstdorf a casa sua alla ricerca di Schwazer, fidanzato di allora.

Kostner è stata sentita "da persona informata sui fatti", ha spiegato il procuratore capo di Bolzano, Guido Rispoli. Non da indagata, dunque, ma certo non deve essere stato un piacere, e sicuramente le testimonianze che si susseguono dimostrano una posizione non saldissima.

L'inchiesta della procura bolzanina vede indagato Schwazer per frode sportiva per uso di doping tra febbraio 2010 e il 2012 ma con lui sono indagati anche due medici della Federazione atletica leggera, Giuseppe Fischetto e Pierluigi Fiorella, e l'ex dirigente del settore tecnico Fidal Rita Bottiglieri, accusati tutti di favoreggiamento per la legge antidoping. A Schwazer non viene contestato solo l'uso di epo, ma anche di numerose altre sostanze (tutte a base di testosterone) trovate in possesso dell'ex campione olimpico.

L'inchiesta penale è stata chiusa a fine agosto, ma i magistrati cercano di approfondire altri aspetti. L'audizione odierna della Kostner è conseguenza dell'interrogatorio in procura del Coni, dove la, pattinatrice ha cercato di fugare ogni dubbio sulla sua buona fede. Il nodo, emerso proprio dall'inchiesta della Procura di Bolzano, riguarda la visita degli ispettori della Wada a Oberstdorf in cerca di Schwazer, che lei avrebbe coperto. Su questo rischia un deferimento e anche una lunga squalifica dalla giustizia sportiva, ma su questo a quanto pare vogliono vederci più chiaro anche i magistrati di Bolzano, prendendosi evidentemente tutto il tempo necessario.

 

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati