IL PREMIO

Il Nobel per la Medicina per la scoperta del 'Gps' del cervello

Il premio assegnato all'americano John O'Keefe insieme alla coppia norvegese May-Britt e Edvard Moser

medicina, Nobel, premio, Sicilia, Mondo

ROMA. Il Nobel per la Medicina è stato assegnato alla scoperta del sistema di cellule che ci permette di orientarci, come una sorta di Gps biologico. L'individuazione di questo sistema di cellule nervose risale al 2005 e costituisce una sorta di rete che permette al cervello di avere costantemente le coordinate spaziali del luogo in cui si trova.

L'americano John O'Keefe (75 anni), dell'University College di Londra è stato premiato insieme alla coppia norvegese May-Britt  (51 anni) e Edvard Moser (53 anni), entrambi neuroscienziati della Norwegian University of Science and Technology (NTNU) di Trondheim. Nel 1971 I'Keefe ha scoperto che alcune cellule del cervello vengono attivate nel momento in cui un ratto si trova in una particolare posizione e altre si 'accendono' quando cambia posizione. Ha scoperto inoltre che tutte queste cellule si trovano nella struttura del cervello chiamata ippocampo.

Ben 34 anni più tardi la coppia norvegese May-Britt e Edvard Moser ha reso più completa e precisa la mappa delle cellule coinvolte nella localizzazione. Nel 2005 ha infatti scoperto che le cellule del 'Gps' del cervello si trovano soprattutto nella parte inferiore dell'ippocampo, chiamata corteccia entorinale. Tutte insieme queste cellule costituiscono una sorta di griglia esagonale, all'interno della quale ognuna segue diversi schermi di orientamento. Il risultato è un sistema coordinato per l'orientamento spaziale.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati