Juventus, roma, scudetto, SERIE A, Garcia, Massimiliano Allegri, Pirlo, Sicilia, Sport
SERIE A

Juve-Roma, è sfida scudetto: Allegri accarezza la "pazza idea" Pirlo

Il fuoriclasse bianconero, assente da due mesi per infortunio, potrebbe partire dal primo minuto contro i giallorossi

TORINO. Vincere con la Roma per lasciarsi alle spalle la sconfitta di Madrid e per confermare, dopo tre scudetti consecutivi, che è ancora la squadra da battere. C'è voglia di riscatto nella Juventus di Massimiliano Allegri, che per il big match di domenica pomeriggio si affida alla spina dorsale della squadra ancora imbattuta in campionato. Ovvero Buffon, Bonucci, Lichtsteiner, Marchisio e Llorente, i giocatori sin qui sempre presenti. E in panchina tornerà a farsi vedere Andrea Pirlo.    Il numero 21 bianconero è il grande assente in questo avvio di stagione. L'infortunio all'anca partito a fine agosto al Trofeo Tim ha privato il tecnico di un pezzo pregiato di questa squadra.

Il recupero è stato lungo, ma i tempi sono stati rispettati: il metronomo del centrocampo juventino è infatti disponibile per la sfida contro i giallorossi.   Il suo rientro in squadra sarà però graduale. Per questo si accomoderà inizialmente in panchina e non verrà convocato dal Ct Antonio Conte in Nazionale perché l'obiettivo è quello di riaverlo al top dopo la sosta.    Nel cuore del gioco ci sarà ancora Claudio Marchisio, uno dei migliori di questo inizio di stagione, con sette gettoni all'attivo in altrettante partite e nessuna sostituzione. Con il fedelissimo Marchisio anche gli altri stakanovisti della rosa, che sono appunto Buffon, Bonucci, Lichtsteiner e Llorente. Proprio Llorente non è apparso al massimo in Champions League ma, nonostante il recupero di Morata, non ci dovrebbero essere sorprese.

"Mi sento bene, sto migliorando. Sono disponibile e ho moltissima voglia di giocare domenica", ha detto ai microfoni di Jtv il giovane spagnolo, che spera di disputare almeno uno spezzone di partita. "Juve-Roma e Real Madrid-Barcellona son simili - è il suo paragone - si affrontano le squadre che chiaramente concorrono per arrivare prime".   L'ex madridista potrebbe essere un'arma importante per Allegri a partita in corso, così come Pereyra, che insidia Vidal, finito 'in riserva' contro l'Atletico. Anche in questo caso, però, l'impressione è che Allegri punterà ancora sul cileno dal primo minuto, riservandosi la mossa Pereyra in caso di necessità. A proposito di ballottaggi, ce ne sono altri due da risolvere. Caceres, reduce da una lussazione alla scapola,   dovrebbe essere arruolato al fianco di Bonucci e Chiellini; in caso di forfait è pronto Ogbonna. Più probabile l'avvicendamento sulla fascia sinistra, invece, tra Asamoah e Evra. L'ultima certezza di Allegri si chiama Carlos Tevez e non potrebbe essere altrimenti visto l'inizio di stagione scoppiettante con 6 gol. Tevez contro Totti, Juve-Roma sarà anche lo scontro diretto dei numeri 10.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati