EDIZIONE DI CATANIA

«Pizzo ad imprenditore», scattano due arresti a Catania

di

Gli inquirenti indicano i due come esponenti di una “filiale etnea” del clan Santapaola, particolarmente attiva a Santa Venerina

mafia, pizzo, santapaola, Sicilia, Catania, Cronaca

CATANIA. «Dacci i soldi, o ti faccio saltare in aria gli escavatori». Accusati di avere chiesto il pizzo a un appaltatore – ma anche al titolare di un’officina meccanica e ad altri piccoli imprenditori nella zona di Santa Venerina – due presunti “signori del pizzo” sono stati raggiunti ieri da ordine di custodia cautelare in carcere: a Salvatore Nunzio Fonti, 44 anni, che detenuto era già, il provvedimento è stato notificato in cella, mentre il sessantaquattrenne Salvatore Calì è stato arrestato dai carabinieri nella sua abitazione a Santa Venerina. “Estorsione aggravata dal metodo mafioso”, il reato contestato.

Gli inquirenti indicano i due come esponenti di una “filiale etnea” del clan Santapaola, particolarmente attiva a Santa Venerina. L’ordinanza, emessa dal giudice delle indagini preliminari del Tribunale di Catania, era stata chiesta della Procura Distrettuale. «Le indagini – spiegano al Comando provinciale dell’Arma – avevano preso il via nell’ottobre dello scorso anno, dopo la denuncia di un imprenditore edile, e s’era conclusa solo a febbraio. Intercettazioni ambientali e riprese video, tra l’altro, hanno consentito di accertare come i malviventi, nel corso dei mesi, hanno tentato di portare a termine diversi tentativi di estorsione anche ai danni di altre vittime. Dal titolare di un’officina, addirittura, pretendevano addirittura 10 mila euro».

ALTR NOTIZIE SUL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati