Mafia, arrestato il superlatitante Brunno

ROMA. Sebastiano Brunno, 56 anni, boss di Cosa Nostra, superlatitante dal 2009, ricercato per omicidio, è stato arrestato dagli uomini dello Sco e dalla squadra mobile di Catania nell'isola di Malta.

Brunno, a capo della cosca Nardo, deve scontare la condanna all'ergastolo, è stato tra i  protagonisti nella prima meta' degli anni Novanta di una sanguinosa faida di mafia.

Brunno, è detto in una nota della Polizia, è considerato l'attuale "reggente" della cosca Nardo, egemone della cosa nostra nell'entroterra della Sicilia orientale, legata al gruppo Santapaola, deve scontare una pena definitiva all'ergastolo per i reati di associazione di tipo mafioso ed omicidio.

L'operazione, condotta dal Servizio Centrale Operativo e dalle Squadre Mobili di Catania e Siracusa e coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Catania, si è conclusa oggi dopo mesi di attività investigative condotte in Sicilia e, per i profili internazionali, nell'isola di Malta, con la collaborazione del Servizio Cooperazione Internazionale di Polizia.

Sono in corso di esecuzione gli adempimenti nel territorio straniero per la successiva estradizione.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati