REGIONE

Regione, i dipendenti scioperano
contro l'assunzione di precari

di

Protesta alla partecipata Sas, dopo che decine di contrattisti hanno ottenuto per sentenza la stabilizzazione. I soldi non bastano per tutti, tagli in arrivo

LAVORO, partecipate, precari, regione, maurizio graffeo, Sicilia, Politica

PALERMO. Dipendenti di ruolo in sciopero contro le stabilizzazioni dei precari. È esplosa la guerra fra poveri alla Sas, la più grande società partecipata dalla Regione. Prima miccia di una reazione a catena che vede già crisi aperte in altre sigle storiche che registrano esuberi o carenza di finanziamenti: da Sviluppo Italia al Ciem.

Il caso Sas è frutto di una pioggia di sentenze con cui i tribunali del lavoro di Palermo e Agrigento stanno condannando la società all’assunzione di tutto il vecchio personale precario. Si tratta di interinali a cui era stato ripetutamente rinnovato il contratto ma che al momento della nascita della società - dalla fusione di Multiservizi, Beni culturali spa e Biosphera - non venne confermato. «Abbiamo già perso una cinquantina di ricorsi - spiega Giuseppe Di Stefano, presidente della Sas - ma ce ne sono altri 106 in arrivo. Se li perdessimo tutti, avremmo un aggravio di costi pari a 4 milioni e mezzo». È un problema, quello dei contratti atipici che hanno dato luogo a vertenze, che la Corte dei Conti guidata da Maurizio Graffeo aveva indicato come una delle cause che può far crollare il sistema.

I vertici della Sas hanno comunicato l’emergenza ai sindacati, già in stato di agitazione perchè da mesi si teme che la vicenda possa sfociare in contratti di solidarietà o altri tagli al personale di ruolo per far spazio (finanziario) ai precari.

ALTRE NOTIZIE SUL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati