Mercoledì, 14 Novembre 2018

VOCI DALLE CITTA’. Dalla Noce a Capaci, la guerra persa ai rifiuti a Palermo

RIFIUTI
GIOVANNI CANDELA
DALLA NOCE
Non ne possiamo più. Sempre gli stessi disservizi. Come di consueto gli operatori Rap effettuano la raccolta dei soli rifiuti contenuti all'interno dei cassonetti lasciando per terra tutto il resto. Ci troviamo nella zona della Noce, fra via Angelo Poliziano e via Flavio Gioia.
(Il dipartimento raccolta della Rap fa sapere di essere intervenuto martedì pomeriggio per ripulire la postazione dei cassonetti dai rifiuti).

CETTY LA MATTINA
DA VIA PESCIA
Sono una residente di via Pescia. Nel quartiere viviamo nel degrado. Ecco cosa c’è in via Pensabene.

VINCENZO PURPURA
DA ISOLA DELLE FEMMINE
Questa è l'attuale situazione di Isola delle Femmine e Capaci da circa sei mesi ormai non più tollerabile, costretti a stare con le finestre chiuse. Bisogna cercare di sensibilizzare ancora una volta i «signori» politici.

SMS FIRMATO
DA PARTANNA MONDELLO
Ho fatto un esposto al prefetto per la mancata raccolta dei rifiuti nelle vie Fragapane e Russo località Partanna Mondello.

A.B.
DA TOMMASO NATALE
Raccolta differenziata? Si, grazie. Ma nella via Tommaso Natale, zona villa Boscogrande, non esistono cassonetti e campane per il conferimento differenziato dei rifiuti.

(Sono 528 i kg di rifiuti urbani raccolti in Italia per ogni abitante ogni anno. La Sicilia ne produce 516 chili e sorprende molto che, nonostante lo stretto collegamento esistente tra il livello del reddito, i consumi ed i rifiuti prodotti, l’Isola sopravanzi, nell’accumulo di rifiuti, regioni come il Trentino, la Lombardia, il Piemonte ed il Veneto. Nella media nazionale, il 42% del totale dei rifiuti urbani raccolti, pari a 222 kg per abitante, viene ancora smaltito in discarica. Ma se dieci anni fa la Sicilia era la quarta regione in Italia, oggi è saldamente la prima per volume di rifiuti conferiti in discarica: ben 468 chili a testa. Siamo a più del doppio della media italiana. Sarà anche per questo che nonostante il contratto di servizio tra Comune e Rap - che conta quasi 2400 dipendenti - sia stato firmato, il problema legato ai rifiuti continua a essere ai vertici della classifica delle segnalazioni inviata alla redazione di Ditelo a Rgs. Ricordiamo che il contratto avrà una durata di cinque anni e prevede 142 milioni di euro all’anno. Tra i servizi finanziati: la raccolta dei rifiuti urbani, della differenziata, lo spazzamento e il diserbo; la raccolta dei rifiuti speciali; la gestione di Bellolampo; la rimozione delle carcasse di auto; la pulizia dei mercatini, la manutenzione stradale e il monitoraggio dei livelli di smog. Il Comune paga a parte, invece, il supporto a eventi, manifestazioni e fiere occasionali; la rimozione e lo smaltimento degli sfabbricidi; la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti da potature; la raccolta delle alghe e dei rifiuti prodotti dal canile; la rimozione e lo smaltimento dell’amianto; la sanificazione e la derattizzazione delle scuole e la pulizia delle spiagge).

LAVORO
SMS FIRMATO
Vi ho contattato il mese scorso per gli stipendi forestali. Come ogni mese di soldi non se ne vedono è una vergogna. Noi non possiamo vivere così aiutateci per favore.
(Un articolo a pagina 29 del Giornale di Sicilia in edicola)

COMMERCIO
SMS FIRMATO
Devono essere i mercatari a lasciare pulito munendosi di sacchi per la spazzatura proprio come fanno i negozi pur loro pagando la maledetta tassa? Vogliamo educare queste persone ad avere più rispetto verso gli altri? DDevono lasciarela spazzatura chiusa nei sacchi.
(Un articolo sul trasferimento dei mercatini a pagina 23 del Giornale di Sicilia in edicola)

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X