Sabato, 22 Settembre 2018

Manager della sanità, revoca delle nomine: la Digos a Palazzo d'Orleans

Sicilia, Cronaca

PALERMO. A pochi giorni dalla revoca di Angelo Pellicano e Paolo Cantaro, i due manager della sanità nominati al Cannizzaro e al Policlinico di Catania, la procura ha aperto un'indagine sulla vicenda. Gli agenti della Digos si sono presentati sia all'assessorato regionale alla Sanità che alla presidenza della Region, chiedendo di visionare i documenti relativi alle nomine e una copia del decreto ministeriale sull'incompatibilità per gli incarichi ai pensionati, insieme al verbale della giunta che il 7 agosto ha avviato il procedimento di revoca.


«È singolare che la vicenda dei manager del Policlinico e del Cannizzaro di Catania venga vista come un 'affairè legato allo scontro politico tra le correnti del Pd. Se la tesi dovesse essere questa, vorrei capire allora perchè il governo precedentemente, considerato che la tensione con l'area cuperliana era già esistente all'atto della nomina di tali manager, potendo non nominarli lo ha fatto». Lo dice il governatore siciliano Rosario Crocetta in merito alle polemiche nate dopo la decisione della Giunta regionale di revocare i due manager.


«La scelta di Cantaro - spiega - è stata fatta all'interno di una terna di nomi proposta dal rettorato di Catania e quella di Pellicanò sulla base di una proposta dell'assessorato alla Salute, che ha giudicato degno di nomina tale dirigente. Quando il 24 giugno firmai il decreto di nomina dei manager della sanità, l'indomani della pubblicazione del decreto del governo che diceva che tutti coloro che sono in pensione non possono assumere incarichi di nessun tipo, qualche giornale maliziosamente scrisse che avevo nominato Pellicanò e Cantaro per favorire due dirigenti vicini al Pd prima che scattasse l'incompatibilità prevista dal decreto governativo».


«Solo che fino al 24 nessun sito o giornale aveva parlato di tale incompatibilità - aggiunge - e siccome non potevo avere la sfera di cristallo, non potevo essere a conoscenza delle decisioni future del governo. Da quel momento ci siamo posti il problema sull'applicabilità o meno di tale norma rispetto a una nomina effettuata e un contratto ancora non sottoscritto. L'assessorato alla Salute prontamente comunicò ai due che la sottoscrizione del contratto era momentaneamente sospesa e il governo si è adoperato per fare luce sulla questione».


"Il legislatore - conclude - ha voluto sancire il divieto di assumere obbligazioni con soggetti che si trovino in stato di quiescenza. Il governo ha deciso di applicare la legge. Ci dispiace di non poterci avvalere della professionalità di Cantaro e Pellicanò, che il governo giudica altissima, ma "dura lex sed lex"»

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X