Lunedì, 24 Settembre 2018

Manovra Ter, D'Alia: "E' pietosa". Crocetta: troppe resistenze

Sicilia, Politica

PALERMO. "Ieri all'Ars in un clima surreale  è stata approvata una manovra pietosa che a stento riesce a  pagare gli stipendi e da' contributi a pioggia, dove latitano  sviluppo e risanamento dei conti. Auspico che l'Udc siciliana e  il Partito Democratico si incontrino perché serve un immediato  cambio di marcia, un cronoprogramma delle cose urgenti da fare".  Lo afferma il Presidente nazionale dell'Udc Gianpiero D'Alia  commentando l'approvazione della manovra-ter all'Ars.
CROCETTA: "LA MANOVRA TER OSTACOLATA DA RESISTENZE". «Il governo ha fatto proposte che attaccano i privilegi che cercano di scardinare gli interessi di potentati non soltanto siciliani, dalle massonerie finanziarie ad alcune multinazionali dei farmaci». Lo ha detto il presidente della Regione, Rosario Crocetta, ad Erice, nell'ambito di una convention della Cgil. Per il governatore, tutto questo fa si che la manovra finanziaria trova resistenze in aula. «C'è poi un conflitto all'interno del Parlamento siciliano, a volte, persino irrazionale», ha aggiunto Crocetta. «Tuttavia sono stati ottenuti risultati importanti», anche se «non è passata la proposta dei pensionamenti anticipati, che non era cosa da poco». Parlando della tabella H, Crocetta ha detto che «non è stata riproposta» e che «sono stati mantenuti in vita enti importanti: dall'istituto per i sordomuti a quello per i ciechi; mentre «non sono state finanziate strutture inutili che operavano all'interno di segreterie di alcuni deputati regionali».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X