Sabato, 17 Novembre 2018

Gaza, morta la piccola Shaima: nata sotto le bombe

Dopo aver lottato per giorni, nulla da fare per la bimba venuta alla luce il 26 luglio dopo il bombardamento della sua abitazione. La madre era rimasta imprigionata sotto le macerie

GAZA. Dopo aver lottato per giorni si è spenta nell'ospedale di Deir el-Balah, nel settore centrale della Striscia di Gaza, la piccola Shaima Sheikh-el-Id. Era nata in circostanze drammatiche il 26 luglio, dopo il bombardamento della sua abitazione. Sotto le macerie era rimasta imprigionata la madre, al nono mese di gravidanza. Il padre, Ibrahim, era stato ferito dalla deflagrazione.  A recuperare la madre, in una zona rimasta anche senza luce, erano stati i vicini. La donna era arrivata in condizioni gravissime all'ospedale locale, il "Martiri di al-Aqsa". La struttura sanitaria nei giorni precedenti aveva subito a sua volta un bombardamento israeliano.    
Malgrado le condizioni disperate, i medici avevano deciso di tentare comunque il parto che si sarebbe concluso quando ormai la madre era in uno stato di morte clinica. La nascita della piccola era stata accolta come una specie di "miracolo medico". Per diversi giorni Shaima é rimasta nell'incubatrice ma oggi, secondo la televisione commerciale israeliana Canale 2, ha cessato di vivere. Forse perchè era troppo debole e forse perchè nell'ospedale si era verificata un'interruzione della corrente elettrica. Per alcuni giorni la bimba di Deir el-Balah ha rappresentato nella Striscia un tenue messaggio di speranza. Oggi anch'esso é svanito.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X