Martedì, 13 Novembre 2018

L'Eni rimarrà a Gela

GELA. Si apre uno spiraglio per la vertenza sulla Raffineria di Gela. "L'Eni rimarrà a Gela. Il disimpegno era stato ipotizzato quando dal ministero tardava ad arrivare l’autorizzazione integrata ambientale. Ora che la certificazione Aia è stata rilasciata, l’azienda ha cambiato i suoi programmi e pensa di rimettere in marcia la raffineria nonché di investire oltre due miliardi di euro per costruire nuovi impianti e diversificare le produzioni”. E’ quanto ha affermato, l’imprenditore gelese Carmelo Turco, appena nominato appena due giorni fa, da Confindustria, delegato regionale per i rapporti con le aziende dei comparti di raffinazione e petrolchimica di Confindustria Sicilia.


Intanto oggi, siederanno attorno ad un tavolo, al ministero per lo Sviluppo Economico, oltre ai rappresentanti del Governo nazionale, il presidente della Regione Rosario Crocetta, l’Eni, i sindacati e il Comune di Gela.  Nel corso del vertice, l’Eni illustrerà il suo piano industriale. Al termine del vertice dovrebbe emergere un quadro più chiaro sul futuro della Raffineria di Gela e degli altri siti industriali d'Italia.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X