Mercoledì, 14 Novembre 2018

Lari: "Andai in tv per dire ai mafiosi che avevamo scoperto il piano di Riina"

Sicilia, Cronaca

PALERMO. «Non vado mai in televisione ma a dicembre ci sono andato e ho scelto un programma molto seguito dai carcerati (In mezz'ora, su Raitre. ndr) per rendere pubblico ai mafiosi che avevamo sventato Riina. E quindi nell'ipotesi in cui ci fosse stato in corso un progetto di attentato per far sapere che lo Stato era al corrente di tutto questo». Lo ha rivelato Sergio Lari capo della Procura di Caltanissetta intervistato da Klaus Davi conduttore di KlausCondicio. «Insomma, con la mia partecipazione al programma - ha aggiunto - io volevo dire loro "state attenti perchè sappiamo tutto"». «Non dimentichiamo che in quei giorni il timore per l'incolumità del pm Nino di Matteo era molto forte, - ha concluso - c'erano stati reiterati allarmi del ministro dell'Interno. Per questo era necessario dare un messaggio alle cosche e quindi ho scelto di andare in televisione».


«La responsabilità diretta del magistrato è un arma per togliere i processi ai giudici. In nessun paese esiste la responsabilità diretta del magistrato. Con questa norma non avrei potuto far processare e condannare Toto Riina», ha aggiunto Lari. «Subire una richiesta risarcitoria significa nominare un avvocato e andare a farsi difendere in tribunale. - ha spiegato - Questo avrebbe comportato situazioni di possibili incompatibilità nel processo in corso, perchè è chiaro se io vengo citato in giudizio da un mio imputato poi non potrei più trattare il processo nei confronti di quel soggetto imputato». «Se ci fosse stata una responsabilità diretta, - ha proseguito - i giudici sarebbero stati tempestati da richieste di risarcimento danni fatte da Riina e da altri imputati mafiosi per il sequestro dei beni, per gli arresti patiti o quant'altro. Ci si troverebbe in una situazione paradossale: in nessun paese al mondo succede una cosa del genere».


«Per lo Stato italiano non essere riuscito finora a catturare Matteo Messina Denaro è una sconfitta, bisogna ammetterlo». E alla domanda provocatoria: «Messina Denaro allora è più potente di Bin Laden?», Sergio Lari ha risposto «Nelle sue zone gode di molto consenso. Ricordiamoci che il padre di Messina Denaro, Francesco, è morto da latitante».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X