Mercoledì, 26 Settembre 2018

Il mondo riscopre una guerra dimenticata

L’unica identità certa è quella delle vittime, quelle umane di diverse nazionalità e quella meccanica delle linee aeree malesi da qualche tempo perseguitate dalla sorte, portate nelle prime pagine a segnalare lutti e a proporre misteri. Ricercatori ancora frugano nelle viscere dell’Oceano Indiano per scoprire qualche pezzo di macchinetta che racconti cosa e come si sia perso quel carico di passeggeri in un angolo del Sud del mondo. Sarà ancora più difficile, con ogni probabilità, il compito di chi è chiamato a scoprire come e che cosa è successo in un angolo del Sud dell'Europa. Stavolta se ne sa di più e si rischia di sapere, alla fine, anche meno. Il Boeing 777 della Malaysia Airlines stavolta non è scomparso in qualche nuova edizione del Triangolo delle Bermude: la sua carcassa è in terra, scoperchiata la tomba delle quasi trecento vittime, visibili i corpicini dei bambini. Che cosa sia successo lo sappiamo..


LEGGI TUTTO IL COMMENTO NELLE PAGINE DEL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X