Domenica, 18 Novembre 2018

Eni, Crocetta minaccia: "Chiudo i pozzi di petrolio"

GELA. Il governatore della Sicilia, Rosario Crocetta, a Gela per partecipare a un convegno, si è recato tra i lavoratori del Petrolchimico in lotta, fermandosi a uno dei picchetti che presidiano le vie di accesso allo stabilimento, a ridosso del lungomare. Gli operai lo hanno accolto con un lungo applauso e gridando: «Ro-sa-rio, Ro-sa-rio». Crocetta ha garantito il proprio sostegno promettendo il massimo impegno nella difficile vertenza, fino a minacciare la revoca delle concessioni di sfruttamento dei giacimenti siciliani di gas e di petrolio.
«Ma che si sono messi in testa i signori dell'Eni? Pensano che possono fare quello che vogliono? State tranquilli che qui 'non si babbìà (non si scherza); anzi, se continuano così gli chiudo i pozzi di petrolio e li riportiamo a più miti consigli. Devono rispettare gli impegni assunti e risolvere le difficoltà nei poli industriali di Gela, del Siracusano e di Milazzo».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X