Sabato, 22 Settembre 2018

L’ultimo obiettivo è in Svezia

Sicilia, Qui Palermo

PALERMO. Dall'Europa dell'Est alla Scandinavia. Continua la campagna all'estero del direttore sportivo del Palermo, Franco Ceravolo alla ricerca di nuovi talenti da portare in rosanero. In particolare, Ceravolo si sta concentrando in questo momento a scovare centrocampisti. La trasferta in Bulgaria è andata a vuoto. Il Cska Sofia, infatti, ha chiesto circa due milioni di euro per Chochev, cifra ritenuta troppo elevata per il budget a disposizione del Palermo, che sperava di chiudere l'affare spendendo non più di un milione di euro. Mentre l'altro bulgaro Gamakov sembra essere entrato fortemente in orbita Lecce. Adesso, la società rosanero ha puntato il mirino sullo svedese Robin Quaison, dell'Aik Solna. Il centrocampista classe '93, nato da padre ghanese e madre svedese, ha già esordito in Nazionale, dove si è messo subito in mostra, segnando due gol in quattro presenze.
Quaison piace sia a Zamparini, sia a Iachini, che hanno visionato i filmati del giocatore svedese e avrebbero dato il via libera all'operazione. Trattativa che è già stata intavolata dal Palermo, ma sembra impensabile al momento che si possa chiudere secondo le prime cifre venute fuori che parlavano di un prezzo fissato a circa due milioni di euro. Per Quaison il Palermo può chiudere, spendendo una somma intorno al milione, cercando di giocare anche sul fatto che il giocatore va in scadenza di contratto il prossimo anno. Björn Wesström, direttore sportivo dell'Aik Solna, per adesso cerca comunque di spegnere le sirene che parlano addirittura di un imminente passaggio del centrocampista al Palermo: «Ci sono voci riguardo al futuro di Robin e il Palermo è una di quelle. Ma non so altro al riguardo. Affare già fatto? No».
Quaison può considerarsi un'alternativa come mezzala, molto abile negli inserimenti. Ama partire dal centrosinistra del campo e ha grande facilità di tiro con un destro molto calibrato. Ha buona visione del gioco ed è abile pure nel servire assist ai compagni. Può anche giocare come ala sinistra, dove è stato spesso impiegato nel suo club in Svezia. In questa posizione è bravo ad andare sul fondo e a rientrare sul suo destro per fornire cross tagliati invitanti per gli attaccanti.
Quello di Quaison rientra nella cerchia di nomi individuati dalla società di viale del Fante per provare a ricostruire una flotta di giovani che negli anni passati ha fatto la fortuna del club. Nel frattempo, infatti, il Palermo continua a lavorare, percorrendo una strada parallela, ovvero quella che porta a giocatori di esperienza, subito pronti per l'impatto con la Serie A, che rispecchiano l'identikit richiesto da Iachini per affrontare senza troppi patemi la massima serie. Per questa ragione per il ruolo di regista Ceravolo ha messo sul proprio taccuino anche il nome di Ruben Amorim, portoghese in forza al Benfica e reduce dalla poco fortunata avventura ai Mondiali brasiliani con la sua Nazionale eliminata al primo turno. I contatti sono stati avviati e sono stati effettuati i primi sondaggi per il portoghese sul quale ha messo gli occhi anche il Genoa. Il valore di mercato si aggira intorno ai 4 milioni e mezzo.
La trattativa non si presenta certo come facile e, comunque, Iachini per questo ruolo spingerebbe sempre per avere un giocatore italiano. Il Palermo per questa ragione continua a lavorare sempre sotto traccia su gente come Cigarini e Rigoni, i profili ideali per il modulo di Iachini.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X