Mercoledì, 19 Settembre 2018

Tombe abbandonate, a Serradifalco scattano le prime diffide

Tra le prime 25 tombe in abbandono individuate dall’ufficio comunale di polizia mortuaria ve ne è qualcuna di cui non si conoscono i nomi e cognome dei concessionari. In qualche altra nemmeno chi vi sia seppellito

SERRADIFALCO. Al via l'operazione di diffida nei confronti dei concessionari di loculi cimiteriali abbandonati. E, contestualmente, in taluni casi, di ricerca degli aventi diritto. Tra i primi “venticinque manufatti cimiteriali in evidente stato di abbandono, oggetto di concessione di durata eccedente i 99 anni, per i quali sono trascorsi 50 anni dall’ultima tumulazione”, individuati dall’ufficio comunale di polizia mortuaria, infatti, ve ne è qualcuno di cui non si conoscono nomi e cognome dei concessionari. In qualche altra nicchia, addirittura, nemmeno chi vi sia seppellito. Per non dire che dal tetto sprofondato di una tomba gentilizia fuoriesce la chioma di un albero. Di una tomba a sarcofago, poi, non rimane quasi più nulla, coperta com’è stata, da parte dei proprietari di una tomba gentilizia confinante, da malta cementizia poiché quasi completamente crollata. Per tutti è partita la diffida a ripristinarle, pena la decadenza delle concessioni cimiteriali delle tombe per sepoltura. In tal caso, il comune “procederà all’estumulazione dei resti mortali dei defunti e alla loro collocazione nell’ossario comune”. In quanto agli eventuali materiali e opere installate sulle sepolture, questi “passeranno in proprietà del comune”.


UN SERVIZIO NELL'EDIZIONE DI CALTANISSETTA DEL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X