Martedì, 13 Novembre 2018

Caso Estcapital, Regione non firma contratto con Sgr

PALERMO. La Regione siciliana ha deciso di non firmare il contratto con EstCapital Sgr per l'affidamento della gestione del fondo immobiliare Assi, con un portafoglio di 50 milioni di euro: la scelta in seguito alla notizia dello scioglimento del management della società di Padova da parte del ministero dell'Economia e la nomina di Bankitalia dei commissari straordinari per presunte «gravi irregolarità nell' amministrazione».


Dopo la sospensione in autotutela della gara che era stata aggiudicata a EstCapital Sgr ma che adesso è stata bloccata per via dello scioglimento del managment della società veneta da parte del Tesoro e l'invio di Bankitalia dei commissari, la Regione siciliana, secondo quanto appurato dall'ANSA, sta valutando due strade per la gestione del fondo immobiliare Assi da 50 milioni: l'emissione di un nuovo bando o lo scorrimento di quello attuale.    La decisione sarà presa nei prossimi giorni, anche alla luce della sollecitazione fatta dalla Cassa Depositi e Prestiti che ha chiesto informazioni alla Regione su come intenda procedere dopo lo stop al contratto con EstCapital, la 'cassaforte venetà, finita al centro di una indagine della Consob e sfociata nei provvedimenti assunti dal Tesoro e da Palazzo Koch.   
Nel caso dello scorrimento, la Regione valuterà l'offerta di 'Torre Sgr', la cui proposta era risultata meno conveniente rispetto a quella di EstCapital, adesso esclusa (furono le uniche due società a partecipare alla gara). Torre Sgr è controllata per il 62,5% da fondi gestiti da Fortress Investment Group Llc, e per il restante 37,5% da Pioneer Investment Management SgrpA, ssocietà del Gruppo Unicredit.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X