Mercoledì, 21 Novembre 2018

Tasse, caos scadenze: code agli sportelli per il pagamento

Sicilia, Cronaca

PALERMO. Lo hanno definito un «ingorgo tributario», un sovrapporsi di scadenze che ieri ha determinato il caos fra i contribuenti costretti a lunghe code per pagare i tributi. Tributi che sono stati stimati in 54 miliardi e mezzo in tutta Italia.
La scadenza del 16 giugno riguardava innanzitutto la Tasi ma solo per i Comuni che entro il 23 maggio hanno approvato regolamenti ed aliquote: circa 2 mila in tutta Italia, 27 in Sicilia. Fra questi un solo capoluogo di provincia, Siracusa. La prima rata della Tassa sui servizi indivisibili era in scadenza anche a Camastra e Palma di Montechiaro (nell’Agrigentino; a Butera e Delia (in provincia di Caltanisetta); a Mascalucia, Militello, Sant'Alfio e Viagrande (in provincia di Catania). a Villarosa, nell’Ennese; ad Acquedolci, Antillo, Nizza e Torrenova (in provincia di Messina); a Bisacquino, Caltavuturo, Capaci, Carini, Misilmeri, Montelepre, Polizzi, Sclafani Bagni, Terrasini e Valledolmo (nel Palermitano); ad Augusta, Avola e Ferla in provincia di Siracusa.

UN SERVIZIO NELLE PAGINE DEL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X