Martedì, 25 Settembre 2018

Crocetta all’Ars: la vecchia programmazione dei fondi Ue ha fallito

Sicilia, Politica

PALERMO. "La programmazione 2007-2013 ha fallito. Ancora oggi ci lecchiamo le ferite, la nuova programmazione si inserisce in un contesto molto critico: una brutta situazione economica. Finora c'è stata un'incapacità di spesa fortissima. Nel settore turistico, ad esempio, non si è riuscito a centrare l'obiettivo. Ci sono tante questioni che devono pesare di più, come la destagionalizzazione per esempio". Così il governatore della Sicilia, Rosario Crocetta, nella sua relazione all'Assemblea regionale sulla nuova programmazione dei fondi comunitari.    
"Non possiamo vedere la programmazione come isolata, ma inserita nel contesto delle modifiche di bilancio che facciamo - ha detto - In questo bilancio stiamo ipotizzando un progetto di cittadinanza solidale: a questo capitolo aggiungeremo risorse del Pac, politiche integrate tra Po-Fesr e bilancio. Ma la nuova programmazione dovrà tenere conto del Fondo di sviluppo e coesione. Su questo dobbiamo essere sinceri e leali per evitare che nascano le solite polemiche".  Crocetta ha aggiunto: "Vogliamo fare un lavoro nuovo, abbiamo già avviato il confronto con le parti sociali e con il partenariato, abbiamo fatto incontri con i gruppi di maggioranza e minoranza, faremo il dibattito in parlamento e poi riteniamo di dover sentire i sindaci".    
"Stiamo cercando di fare un programma omogeneo che rispetti tutti - ha spiegato il Governatore - Povertà, sviluppo delle imprese, tutela dell'ambiente, riqualificazione urbana delle città e valorizzazione del patrimonio siciliano: turismo, agricoltura. Poi la lotta alla povertà: queste le linee guida delle politiche di coesione della programmazione. Con i fondi europei possiamo fare crescita intelligente ed eco-sostenibile".
E ancora: "Non ignorermo le indicazioni che arriveranno da questo dibattito all'Ars, anche se non siamo obbligati in quanto la programmazione dei fondi comunitari è negoziale. Ma vogliamo lavorare gomito a gomito con l'Assemblea, in modo tale che può essere regolarmente coinvolta nel rispetto di un compito di controllo che spetta al Parlamento". Così il governatore della Sicilia, Rosario Crocetta, ha concluso in aula il suo intervento in aula sulla nuova programmazione dei fondi comunitari.
Intanto, Crocetta ha incontrato in serata i vertici del Pd. Il presidente era atteso nella sede del Pd in via Bentivegna a Palermo alle 14.30. Dopo tre ore di attesa, Crocetta ha chiamato il segretario Fausto Raciti chiedendo il rinvio a domani della riunione ma alla fine è stato deciso di aggiornare l'incontro in serata. Ad attendere il governatore oltre a Raciti c'erano anche la vice Mila Spicola, il capogruppo del Pd all'Ars Baldo Gucciardi , il presidente della direzione Giuseppe Lupo, il presidente dell'Assemblea del partito Marco Zambuto, il responsabile organizzativo Antonio Rubino. Crocetta ha avvertito il partito mentre si trovava a Palazzo dei Normanni, dopo aver partecipato a Palazzo d'Orleans alla riunione di giunta, per intervenire al dibattito in aula sulla programmazione dei fondi comunitari.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X