Giovedì, 15 Novembre 2018

Caltanissetta: Ruvolo proclamato sindaco

Sicilia, Archivio

CALTANISSETTA. Ieri mattina, alle 11,30, nei locali della prima sezione elettorale, ubicati nella scuola San Giusto di viale Regina Margherita, l'adunanza dei presidenti di seggio, presieduta da Antonino Porracciolo, ha proclamato eletto a sindaco di Caltanissetta Giovanni Ruvolo. Presenti alla formalizzazione della nomina a primo cittadino, il segretario generale, Eugenio Alessi, l'intera squadra di assessori designati dal neo sindaco Giovanni Ruvolo che, per l'occasione, era accompagnato dalla moglie Adriana, dai due fratelli, Dario e Fabio, da tanti amici e parenti e da alcuni candidati al Consiglio comunale. Invece oggi alle ore 10,30, nella Sala Gialla di Palazzo del Carmine, ci sarà la cerimonia per il passaggio ufficiale delle consegne, dove il sindaco uscente, Michele Campisi, passerà il testimone all'ottantunesimo sindaco della città di Caltanissetta. Non mi spaventa il lavoro difficile - ha detto ieri mattina Ruvolo -. Cominceremo dai primi atti che sono per fare un esempio le condizioni di bilancio, la situazione amministrativa e i contenziosi per passare subito al primo obiettivo. Dopo una verifica attenta del bilancio e delle cose realizzabili, penseremo alla persone che vivono nel disagio; ci occuperemo di loro per sostenerli a superare questa fase difficile; penso subito alla pedonalizzazione del centro storico nell'area prospiciente Palazzo del Carmine, perché da subito voglio avviare una serie di iniziative che portino i nostri concittadini a vivere questa estate il centro storico: Poi passeremo ad attenzionare i quartieri periferici, unitamente ai comitati per cercare di intervenire e potere superare le emergenze che queste zone vivono da troppo tempo. Le cose da fare sono tantissime, ci sono delle priorità da rispettare e tenteremo di affrontarle con la condivisione di tutti». Ruvolo ha ribadito ancora volta l’importanza della «Alleanza per la città», evidenziando anche il ruolo svolto da partiti, come Pd e Udc, in questa competizione ed anche quello svolto dai movimenti civici.«Insieme si sono assunti l’impegno di dare risposte serie alla città». Ruvolo ha ancora ribadito l’importanza del ruolo degli assessori che sono stati chiamati al suo fianco e che «dovranno impostare un lavoro difficile in grado di proiettare la città, entro i prossimi cinque anni in direzione di tutti gli obiettivi che fanno parte del programma elettorale. Gli assessori vanno lasciati tranquilli per svolgere il mandato che ci ha dato la città». Un ruolo essenziale è chiamato a svolgere il Consiglio comunale dove il nuovo sindaco può contare su una maggioranza di diciotto consiglieri su trenta. A proposito del consiglio, nei prossimi giorni il presidente uscente Calogero Zummo sarà chiamato a convocare la prima seduta, probabilmente per il 15 giugno, per procedere all’insediamento e alla convalida dei consiglieri eletti, con all’ordine del giorno; verifica delle eventuale incompatibilità e giuramento. Per l’occasione dopo la formalità della convocazione, la seduta sarà presieduta dal consigliere più anziani per voti. Si tratta di Davide Mirisola dell’Udc che è risultato il più votato con 606 preferenze. A proposito di preferenze il primo dei non eletti, nella lista del Nuovo Centro Destra, è l’ex assessore Giuseppe Firrone a pari voti con il candidato Ilario Falzone (entrambi con 271 preferenze). Firrone è il candidato più anziano per età.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X