Mercoledì, 19 Settembre 2018

Vertenza Pd Sicilia, la Uiltucs: "Cassa integrazione per 11 dipendenti e un piano per salvare i posti di lavoro"

PALERMO. Cassa integrazione per undici dipendenti del Partito democratico in Sicilia. L’accordo è stato raggiunto ieri al centro per l’impiego di Palermo alla presenza del tesoriere Salvatore Alessandro e dei sindacati. La Uiltucs, guidata da Marianna Flauto, spiega che l’intesa siglata prevede “la cassa integrazione per 12 mesi, fino al 15 giugno 2015, periodo durante il quale i lavoratori saranno sospesi a zero ore. Nel frattempo si proverà ad attuare alcune misure per ridurre il numero degli esuberi. Ad esempio è prevista l’erogazione di un incentivo per favorire l’esodo o per il raggiungimento dei requisiti pensionistici o la ricollocazione esterna presso le sedi provinciali del Pd”. Ad erogare la cig sarà direttamente l’Inps e non il partito, che versa in difficoltà economiche “soprattutto a causa dello stop al finanziamento ai partiti”.  I lavoratori interessati sono 13: due erano in aspettativa e non godranno del sussidio, gli altri sono due autisti, un addetto alle pulizie, sei amministrativi e due giornalisti. L’accordo prevede anche che “in caso di ripresa, anche parziale, delle attività del partito, ai lavoratori venga data priorità nell’assunzione".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X