Sabato, 22 Settembre 2018

I dettagli possono fare la differenza Il foulard che non conosce tempo

Un accessorio che può essere impiegato in molti modi e che ha in sé una particolare dote: è l'unione tra arte e tendenze. «Molte ragazze per osare li utilizzano in stile anni ’50»

PALERMO. Nel fashion system gli accessori e le tendenze cambiano per poi tornare ciclicamente ad essere protagonista delle stagioni. Un accessorio evergreen e sempre di tendenza è il foulard che non conosce mode, metodi di utilizzo o epoche. Da annodare elegantemente al collo, tenere sulle spalle per ripararsi dalla brezza marina o dal vento primaverile, da usare sui capelli raccolti per un effetto vintage oppure al posto di un elastico per tenere ferma una coda di cavallo.

Chi non ricorda la meravigliosa Grace Kelly nel film «Caccia al ladro» con il suo immancabile foulard al collo e i grandi occhiali scuri sfrecciare su una decappottabile blu pastello. Un tocco in più alla bellezza eterea della principessa di Monaco che ha consacrato il foulard ad accessorio unico ed indispensabile nel guardaroba di tutte le donne, tanto che la maison fiorentina Gucci le dedicò nel 1966 «Flora», il foulard che la nipote Charlotte ha sfoggiato in una delle ultime campagne pubblicitarie della griffe. Un fascino indimenticabile che proprio nei giorni scorsi è stato ricordato a Cannes con il film «Grace di Monaco».

Il fazzoletto viene utilizzato in piena libertà, un modo per rivelare la personalità di chi lo indossa. Un accessorio versatile che può essere indossato in tantissimi modi e che ha in sé una particolare dote: è l'unione tra arte e moda. Una tela che lascia libero un designer di esprimere tutto quello che sente, un modo per lasciarsi andare e dar voce alle proprie sensazioni. «La bellezza del foulard sta nel fatto che sta bene a tutte le donne senza far distinzione d'età - dichiara Vanessa Pecoraro, titolare del negozio Vintage di via Dante a Palermo -. Nel mio negozio, con l'arrivo del primo caldo, i foulard sono andati subito sold out. Fluo, colorati e a fantasia, le mie clienti hanno acquistato i fazzoletti da portare al collo per avere, con un semplice accessorio, un tocco di stile in più. Basta, infatti, indossarli per stravolgere un look e renderlo sempre diverso giocando solo con il foulard».

I foulard quest'anno è protagonista delle vetrine dei negozi del capoluogo. Una passeggiata tra le vie cittadine per notare i colorati fazzoletti. E non fermatevi ad immaginarli soltanto al collo dei manichini, il foulard questa estate si indosserà in testa. Con l'arrivo del caldo, infatti, l'accessorio più glamour perderà il suo solito utilizzo per assumere una nuova ed entusiasmante mise.

«Dopo aver visto le vetrine del negozio - commenta Marcella Mazzara, titolare del negozio Les Femmes de Mazzara - molte ragazze entrano per acquistare i foulard con la voglia di osare e indossare i foulard in pieno stile anni '50, annodati in testa. Sicuramente il modello a fiori è il più venduto, ma anche il foulard a pois o quello animalier stanno ricevendo molti consensi. Il fazzoletto che fa molto diva è un'ottima alternativa al cappello, preferito sempre dalla signore. Basta piegare il foulard su se stesso ottenendo una striscia stretta per avere un look originale, oppure legarlo attorno ad uno chignon». Non pensate di sfoggiare pinze o elastici monocolore quest'estate. Aprite il vostro armadio, scegliete un foulard colorato che metta buon umore e osate con la nuova tendenza.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X