Sabato, 22 Settembre 2018

Caltanissetta, "Gestivano il settore dei videogiochi con Cosa nostra": confiscati beni a 4 imprenditori

Sicilia, Archivio

CALTANISSETTA.  La sezione misure di prevenzione del tribunale di Caltanissetta ha disposto la confisca del patrimonio, valutato 7 milioni di euro, riconducibile alla famiglia Allegro di Caltanissetta, imprenditori nel settore dei videogiochi elettronici.   
I giudici hanno disposto la confisca di diverse società, abitazioni, automobili e conti correnti bancari riconducibili a Matteo Allegro (34 anni), Salvatore Allegro (58), Luigi Allegro (31), Marco Angotti (33) e ad altri componenti della famiglia. Secondo la Procura nissena, gli Allegro avrebbero goduto di una sorta di monopolio nel settore grazie all'appoggio di Cosa nostra, riuscendo a imporre l'affitto delle proprie slot machines a numerosi locali della provincia nissena.   
Inoltre, secondo quanto emerso dalle indagini, parecchie macchinette installate nelle sale giochi degli Allegro sarebbero state prive del collegamento ai Monopoli di Stato e programmate in modo da non consentire vincite ai giocatori. Per questa vicenda è attualmente in corso il processo, a carico di una cinquantina di persone, scaturito dall'inchiesta «Les jeux sont faits».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X