Giovedì, 20 Settembre 2018

Faraone: alla Regione si cambi subito o si vada a votare

Unico siciliano nella segreteria di Renzi, il deputato palermitano chiede una marcia in più alla giunta Crocetta: «Abbiamo perso un anno e mezzo»
Sicilia, Editoriali

PALERMO. «In Sicilia eravamo la terza forza, ora siamo la prima. Abbiamo smentito i pronostici. Ma sa cosa penso? Che in questo voto c’è tanto di politica nazionale e poco di siciliano. La verità è che alla Regione abbiamo perso un anno e mezzo e se ora non si cambia marcia entro qualche giorno le elezioni anticipate saranno inevitabili. Saranno anche un rischio ma è sempre meglio che prolungare l’agonia»: Davide Faraone, unico siciliano nella segreteria nazionale, ha appena brindato a Roma con Renzi ma è costretto ad affrontare la resa dei conti nell’Isola, provando a spostare il dibattito «dal derby alle riforme».

IN SICILIA PER LA PRIMA VOLTA VINCETE «SENZA SE E SENZA MA». AVETE PIÙ VOTI ANCHE DELLA SOMMA DI FORZA ITALIA ED NCD. COME SFRUTTERETE QUESTA FIDUCIA DELL’ELETTORATO?
«Abbiamo rotto i tradizionali confini di Ds e Margherita. Il Pd è oggi molto più della somma dei due partiti fondatori. Siamo un partito che include, a vocazione maggioritaria. E in grado di vincere da solo. Se si fosse votato ieri per le Politiche, con l’Italicum, avremmo vinto al primo turno. E grazie a questa spinta riformista e alla convinzione con cui Renzi ha giocato la partita a Palermo, abbiamo vinto anche in Sicilia riuscendo a nascondere le liti. Che tanto male invece hanno fatto al Pd. Ma ora in Sicilia serve una vera rivoluzione liberale, altrimenti è solo una lenta agonia».

L’INTERVISTA INTEGRALE NELLE PAGINE DEL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X